10 cose da scoprire sulla Targaryen House of Game of Thrones

♥ Tempo di lettura: 9 min. ♥

Targaryen è un nome che i fan di Game of Thrones hanno conosciuto per diversi anni, ma la cui storia inizia diversi secoli prima dei libri o della serie. La famiglia Targaryen ha lasciato un’eredità monumentale che fa tremare e meraviglia i cuori di coloro che osano incontrarsi.

Poi guardo i libri di storia di Westeros e condivido alcuni dei fatti e dei dettagli più affascinanti della Targaryen House.

1. Proveniente dalla Valíria

Vorrebbe dire

La Targaryen House proviene dalla Free Town of Valyria , un impero monumentale che dominerebbe Essos, il continente orientale. I Targaryen erano tra le famiglie più nobili e potenti di Valyria, conosciute anche come le Quaranta Famiglie .

Pur possedendo uno status sociale elevato, la Targaryen House non era uno dei clan più importanti delle Quaranta famiglie. Altre Case contestarono la direzione di Valyria, sebbene non esistessero ufficialmente re nell’impero.

2. Tratti unici

Targaryen

Quelle che sono conosciute come le caratteristiche tradizionali di un Targaryen sono, infatti, caratteristiche tipiche dell’antico popolo di Valyria. Il colore dei capelli dei più brillanti d’argento o d’oro pallido e occhi viola erano le caratteristiche principali di Valirianos.

Questa rara bellezza non si trovava da nessuna parte nel mondo, e molti lo hanno indicato come prova che il suo sangue non era come quello degli altri uomini. Le antiche leggende valiriane parlavano di come questo popolo discendesse dai draghi e l’affinità con le creature scorreva nel loro sangue,

Una delle spiegazioni più plausibili per il diverso aspetto del Valyrian era il fatto che erano una popolazione isolata, qualcosa che avrebbe prodotto caratteristiche uniche. Sulla base della sua storia familiare, i suoi tratti caratteristici erano qualcosa che passava di generazione in generazione attraverso la pratica dell’incesto .

3. Signori dei draghi

Antica Valyria

Le Quaranta famiglie di Valyria erano anche chiamate Signori dei Draghi per la loro maestria e maestria sulle imponenti creature. La capacità di domare un drago fu qualcosa di appreso dolorosamente dal Valyrian che li scoprì nella catena vulcanica conosciuta come Quattordici Fiamme.

I segreti per creare e domare un drago passarono da genitore a figlio, non essendoci documentazione scritta di queste arti. Le leggende dicono che tutto questo processo implicava una magia potente. Non c’è mai stata una regola di draghi come quella del Valyrian , con il loro misterioso addestramento e una profonda connessione con queste creature.

La casa Targaryen aveva l’abitudine di attaccare un drago a un bambino posizionando l’uovo del bambino nella culla del nuovo membro della famiglia. Quindi, umani e draghi crescono insieme e creano una partnership formidabile.

Ogni drago accetta solo un assemblatore e vi appartiene fino a quando l’uomo non muore. Ma con l’aspettativa di vita di un drago che è di gran lunga superiore a quella di un umano, è accaduto più volte che la stessa creatura avesse diversi assemblatori fino alla sua morte.

Per centinaia di anni, i Targaryen hanno creato le loro bestie straordinarie nell’abitazione Drainage di Porto Real. Ma col passare degli anni, i draghi diventarono sempre più piccoli fino all’ultimo (prima di Daenerys) nacque durante il regno di Aegon III.

4. Una visione che ha salvato Targaryen House dalla distruzione

Perdizione di Valyria

Era Daenys Targaryen, il Sognatore , che avrebbe salvato la famiglia dall’evento catastrofico che sarebbe passato alla storia come il Destino di Valyria. Quando era ancora una ragazza, Daenys aveva un sogno profetico in cui vedeva Valyria essere distrutta da forze incontrollabili. Suo padre e capo famiglia, Aenar Targaryen, credevano in lei e l’intero clan abbandonò la Città Libera mentre veniva ridicolizzato da altre potenti famiglie.

Aenar portò con sé la famiglia, la sua enorme fortuna, cinque draghi e gli schiavi della piccola isola di Stone of the Dragon . Dodici anni dopo questa decisione, Valyria ha incontrato la sua fine tragica e misteriosa nel giro di poche ore.

Fino ad oggi nessuno può dire cosa sia realmente successo nell’orgoglioso dominio Valiriano. Molti credono che sia stato un cataclisma naturale di proporzioni inimmaginabili, probabilmente l’eruzione delle Quattordici Fiamme simultaneamente. Altri videro nella Perdizione di Valyria la furia degli dei, punendo una società promiscua nella sua idolatria. C’erano ancora voci di maghi assassinati che si ritenevano responsabili dei rituali che placavano il fuoco vulcanico.

Non sapremo mai le motivazioni che hanno rubato la vita a Valyria e l’abbiamo consacrata in storie e leggende. Ma fu grazie alla visione di Daenys che i Targaryen divennero gli unici Signori dei Draghi a sopravvivere al Destino di Valyria.

5. Il significato dello stemma

Stemma di Targaryen

Uno dei simboli più famosi di Game of Thrones è lo stemma Targaryen: un drago rosso a tre teste su uno sfondo nero. È impossibile non associare questo clan con i draghi, ma cosa significa veramente questa immagine?

Il drago a tre teste simboleggia Aegon Targaryen, Il Conquistatore e le sue due sorelle, Rhaenys e Visenya Targaryen. Sotto il motto “Fuoco e Sangue”, il trio di famiglia ha conquistato e unito Westeros con una determinazione mai vista prima nel continente.

Scegliendo di avere un solo drago con tre teste, i Targaryen simboleggiavano la forza della loro unione .

6. La follia di Targaryen

Aerys II, il Re Pazzo

Nel corso dei secoli i Targaryen avevano dominato Westeros, c’era l’idea che avessero una certa inclinazione alla pazzia . Aerys II, padre di Daenerys, fu l’ultima incarnazione della pazzia di Targaryen e la più grande rappresentazione dei pericoli di un demente re.

In A Storm of the Swords , Ser Barristan Selmy spiega a Daenerys come la sua storia familiare è segnata dalla follia:

“Non sono un maester per raccontarti la storia, Vostra Grazia. La mia vita era spade, non libri. Ma ogni bambino sa che i Targaryen hanno sempre ballato troppo vicino alla follia. Mio padre non era il primo Re Jaehaerys una volta mi disse che la follia e la grandezza erano due facce della stessa medaglia. “Un nuovo Targaryen nasce sempre”, ha detto, “gli dei lanciano una moneta nell’aria e il mondo trattiene il respiro per vedere quale parte cadrà”.

È interessante notare che questa malattia potrebbe non manifestarsi nei primi anni di un discendente di Targaryen. Prendi il caso di Aerys II, che iniziò il suo regno come leader benevolo e generoso, e finì conosciuto come il Re Matto.

C’è la convinzione che il sangue dell’Antica Valyria abbia un potere magico, lo stesso sangue che scorre nelle vene di Targaryen. L’instabilità mentale di questa grande casa è spiegata da alcuni come conseguenza della scomparsa della magia nel mondo e dell’estinzione dei draghi.

Ma “Targaryen Madness” può essere semplicemente spiegato come un effetto collaterale dell’incesto praticato per secoli in questa famiglia.

7. No, i Targaryen non sono immuni al fuoco

Daenerys Targaryen

Game of Thrones ha ripetutamente dimostrato che Daenerys Targaryen è immune al fuoco e molti fan ritengono che ciò sia tipico di Targaryen. Ma lo stesso George RR Martin ha già chiarito che non è vero. In risposta ad un fan, l’autore ha chiarito la confusione:

“I Targaryen non sono immuni al fuoco! La nascita dei draghi di Dany fu un miracolo unico, magico e meraviglioso. Si chiama Non bruciata perché è entrata nelle fiamme e sopravvissuta. Ma suo fratello non era certamente immune da quell’oro fuso. “

Nei libri, quando Daenerys sopravvive alla pira funeraria di Khal Drogo, diventa calva, i suoi capelli consumati dal fuoco. Sebbene non sia immune al fuoco, è un dato di fatto che i Targaryen abbiano una tolleranza al calore molto più alta rispetto ad altre persone.

La storia del clan è piena di casi di diversi morti di Targaryen bruciati dal fuoco, delle forme più diverse.

8. I segreti della fortezza rossa

Fortezza Rossa

Nella storia di Westeros, un nome si distingue come il peggior re di tutti i tempi: Maegor, O Cruel . Il suo regno fu un bagno di sangue dall’inizio alla fine, e ci sono diversi racconti di terrore che circondano questa figura. Ma una delle storie più interessanti riguarda uno dei più grandi edifici del regno, la Fortezza Rossa.

Il gigantesco castello iniziò la sua costruzione dal re Aegon, proseguito da Aenys e infine finito da Maegor. Ma quando il tiranno continuò il progetto, decise di aggiungere innumerevoli segreti alla Fortezza , come tunnel, passaggi segreti e botole. Quando finalmente il suo grande progetto fu completato, Maegor sigillò la Fortezza con il sangue.

Il re offrì una lunga festa di tre giorni per tutti coloro che erano coinvolti nella costruzione del castello. Dopo la battaglia, ognuno è stato ucciso e non hanno mai rivelato i segreti della Fortezza Rossa. Maegor, il Crudele desiderava solo essere il conoscitore di ogni mistero del castello.

9. E ‘stata una guerra familiare che ha ucciso la maggior parte dei draghi

Danza dei draghi

La Danza dei Draghi è considerata una delle guerre più brutali nella storia di Westeros, avendo diviso la famiglia Targaryen nel mezzo e lasciato il regno immerso nel caos.

Prima che re Viserys I morisse, aveva dichiarato che Rhaenyra, il suo primogenito, sarebbe stato l’erede al trono di ferro. Quando il re alla fine morì, il suo ultimo desiderio fu sfidato dalla sua vedova Alicent Hightower e dalla sorella Criston Cole. Entrambi cospirarono e incoronarono il figlio di Alicent, Aegon II, come il nuovo re di Westeros.

Rhaenyra Targaryen rifiutò di riconoscere il suo fratellastro Aegon come nuovo re , poiché il Trono di Spade era di sua proprietà. E così nacque la Dragon Dance, una guerra di successione che avrebbe profondamente indebolito la Targaryen House.

Nelle varie battaglie della Danza, diversi draghi perirono nelle lotte che macchiarono l’intero regno di sangue. Mai nella storia del Targaryen c’è stata una maggiore rappresentazione del suo motto “Fuoco e Sangue”.

Entrambi i pretendenti al trono morirono, ed era il figlio di Rhaenyra che divenne re e divenne noto come Aegon III. Si diceva che questo re avesse avuto paura dei draghi da quando aveva visto sua madre divorata viva da Sunfyre, il drago di suo zio.

Quando Aegon III sedeva sul Trono di Spade, c’erano ancora quattro draghi: Asaprata, Morning, Sheep Thief e Cannibal. Ma era ancora durante il suo regno che l’ultima creatura fantastica sarebbe morta, e Aegon III sarebbe passato alla storia come “Doom of the Dragons”.

10. L’importanza del nome Blackfyre

Blackfyre Rebellion

Prima che Blackfyre fosse sinonimo di ribellione, questo era il nome di una delle spade d’acciaio valgari della famiglia Targaryen . Fu con Blackfyre che Aegon I conquistò Westeros e che la spada era passata di generazione in generazione, dalle mani dei re ai loro legittimi eredi.

Ma un re sfidava la tradizione: Aegon IV, l’Indegno . Il vecchio monarca diede la spada di Blackfyre a uno dei suoi bastardi, Daemon Waters , la cui madre era Daena Targaryen, la cugina del re. Oltre alla spada, Aegon IV ha dato terre e diversi onori a Daemon, che ora ha assunto il nome di Blackfyre.

Era così che sarebbe nata Blackfyre House ei problemi stavano solo ora cominciando. Prima di morire, Aegon IV legittimò tutti i suoi bastardi e l’espressione “Grandi bastardi” apparve ai bambini con donne della nobiltà. Quando infine il re Unworth morì, il suo legittimo figlio Daeron salì al trono e divenne Daeron II.

Ma molte persone in tutto il regno pensavano che non fosse la volontà di Aegon IV. Anche se era un bastardo, Daemon Blackfyre era visto come il vero successore di suo padre perché gli era stata data la spada di Aegon il Conquistatore.

Molti nobili erano ancora infastiditi dal ruolo di Dorne nel regno di Daeron II. Il nuovo re era sposato con Mariah Martell, e questo era un matrimonio felice ma difficilmente visto da coloro che temevano l’influenza di Dornese. Fu nel regno di Daeron II che venne finalmente siglato un accordo tra Dorne e il Targaryen , grazie al matrimonio tra Maron Martell, il principe Dornese e Daenerys Targaryen.

Un leader pacificatore era riuscito a unire tutti i regni di Westeros, ma gran parte della nobiltà non era d’accordo con questo approccio pacifico. Ritenevano che ai signori di Dorne fossero stati concessi diritti e privilegi che altre famiglie non avevano – e il nome di Daemon Blackfyre fu di nuovo sussurrato come il miglior re per Westeros.

Ser Aegor Rivers , il temibile Açoamargo, era un altro dei grandi bastardi e molto vicino a Daemon Blackfyre. Le orecchie del demonio furono avvelenate da Açoamargo, insieme ai sussurri di vari nobili che lo volevano sul trono.

Diversi anni di tensione alla fine scoppiarono con la prima rivolta di Daemon Blackfyre contro suo fratello e re. Questa sarebbe stata la Prima Ribellione di Blackfyre, in cui i ribelli invertirono i colori del cappotto Targaryen e apparvero così il simbolo del drago nero su uno sfondo rosso. Le battaglie tra i fratelli attraversarono Westeros e culminarono nel Campo di erba rossa. Daemon Blackfyre e i suoi figli, Aegon e Aemon, morirono in questa lotta finale, ma Açoamargo riuscì a fuggire a Tyrosh.

Sarebbero stati i velenosi fiumi Aegor a fondare la famosa compagnia d’oro , un esercito di mercenari con la missione di piazzare un Blackfyre sul Trono di Spade. Insieme ad Açoamargo, i bambini sopravvissuti di Daemon Blackfyre si unirono alla Companhia Dourada, mantenendo viva la speranza della Bastard House.

I Pretenders di Blackfyre continuarono a disturbare il regno di Targaryen per altre quattro generazioni, fino a quando l’ultimo discendente del lignaggio maschile morì per mano di uomini fedeli alla corona.

♥ Ti è piaciuto l'articolo? ♥
error0

Leave a Reply

Un principe per Natale 4 ci sarà?

♥ Tempo di lettura: 2 min. ♥ Due anni fa, Netflix...

Aldovia: il vero paese e il castello dove è stato girato "Un principe per Natale"

♥ Tempo di lettura: 3 min. ♥ Il mondo fiabesco della...

Un principe per Natale: Royal Baby, recensione film Netflix: due regni, una maledizione

♥ Tempo di lettura: 3 min. ♥ Un principe per Natale:...

Aladdin ottiene uno spin-off inaspettato

♥ Tempo di lettura: < 1 min. ♥ Whole New World...

Jurassic World 3: rivelato il titolo provvisorio

♥ Tempo di lettura: 2 min. ♥ Jurassic World 3: rivelato...

The Grudge il trailer

♥ Tempo di lettura: 2 min. ♥ The Grudge Red Band...

Ghostbusters: Afterlife : il primo trailer

♥ Tempo di lettura: 2 min. ♥ Ghostbusters: Afterlife : il...

The Conjuring 3 ha una data di uscita e un titolo ufficiale

♥ Tempo di lettura: 2 min. ♥ The Conjuring 3 ha...

The Walking Dead , Carl dice la verità

♥ Tempo di lettura: 2 min. ♥ The Walking Dead ,...

The Walking Dead: quanti Salvatori sono diventati Sussurri?

♥ Tempo di lettura: 3 min. ♥ The Walking Dead: quanti...

Twd mostra la scena dello zombie

♥ Tempo di lettura: < 1 min. ♥ Twd mostra la...

Twd finirà davvero dopo la stagione 12?

♥ Tempo di lettura: 3 min. ♥ Twd finirà davvero dopo...

The Grudge il trailer

♥ Tempo di lettura: 2 min. ♥ The Grudge Red Band...

Ghostbusters: Afterlife : il primo trailer

♥ Tempo di lettura: 2 min. ♥ Ghostbusters: Afterlife : il...

Underwater ritarda la sua prima, trailer e prime immagini

♥ Tempo di lettura: 2 min. ♥ Underwater trailer e prime...

No Time To Die ecco il trailer

♥ Tempo di lettura: 2 min. ♥ No Time To Die...

V Wars: recensione della serie con Ian Somerhalder

♥ Tempo di lettura: 3 min. ♥ La mitologia dei vampiri...

Tre giorni di Natale: Recensione della miniserie drammatica Netflix

♥ Tempo di lettura: 2 min. ♥ L’ultimo dramma internazionale di...

Un principe per Natale: Royal Baby, recensione film Netflix: due regni, una maledizione

♥ Tempo di lettura: 3 min. ♥ Un principe per Natale:...

L'immortale, Ciro condannato a rimanere vivo inutilmente recensione

♥ Tempo di lettura: 3 min. ♥ L’immortale, Ciro condannato a...

Caterina la Grande: recensione dell’ultimo episodio
Caterina la Grande: recensione episodio 1×03
Caterina la Grande: Recensione dell’episodio 2
Helen Mirren: “Caterina mi ha sempre affascinato”
Batwoman recensione 1×08
Batwoman 1×07 recensione
Batwoman stagione 1 episodio 6 Recensione
Batwoman recensione 1×05
Watchmen rivela perché Angela è diventata Sister Night
The Watchmen 1×07 recensione, un altro grande episodio
Watchmen 1×06 “Questo essere straordinario” è un episodio straordinario
‘Watchmen’ Recensione 1×05
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial