♥Aiutaci a condividerlo♥
  •  
  •  
  •  
  •   
  •  

Uno dei personaggi più leggendari di Game of Thrones , il Night King è una figura che ispira il terrore a chiunque conosca il suo nome. Il libro e la serie offrono diverse origini e teorie su questo mitico furfante che promette finalmente di portare l’inverno a Westeros.

Scopri ora le origini e le storie del leader dei White Walkers, il re della notte.

Spoiler per la serie di libri e Game of Thrones .

L’origine della leggenda del libro

King of the Night e la sua regina

Nei libri di GRR Martin, l’informazione che esiste sul Re della Notte e sul suo esercito di Altri (il nome dato nella saga letteraria ai White Walker) è scarsa e diventa leggenda. Queste vecchie storie sono state raccontate dalla Vecchia Signora della famiglia Stark ed è attraverso Bran che siamo consapevoli di molti di loro.

Secondo storie antiche, il Re della Notte apparve nell’Età degli Eroi molto tempo dopo l’evento oscuro conosciuto come la Lunga Notte quando l’oscurità cadde sul mondo conosciuto e gli Altri avevano il loro regno di distruzione.

Ma prima che il Re della Notte diventasse una terribile leggenda, era il 13 ° Lord Comandante della Guardia Notturna . Secondo Old Ama, il capo dei corvi “era un uomo che non conosceva la paura. Ed è stata colpa sua, perché tutti gli uomini devono conoscere la paura. “Oltre il Muro, l’uomo senza paura conosceva l’amore con la creatura più improbabile: un Altro.

Incantato dall’escursionista bianco “con la pelle bianca come la luna e gli occhi come stelle blu”, il Lord Commander lasciò cadere tutto per unirsi a lei. Consegnando il suo corpo alla creatura con “la pelle fredda come il ghiaccio”, si trasformò in un Altro. Ma questo non significa che abbia abbandonato la Pattuglia notturna che ha guidato – e così ha iniziato la sua padronanza del caos.

Portando sua moglie con sé al suo fianco del Muro, il Lord Comandante si autoproclamò Re della Notte e stabilì il suo quartier generale Fortenoite per tredici anni. Con la sua regina di ghiaccio al suo fianco, incantò i membri della Pattuglia della Notte per fare qualunque cosa avesse ordinato.

La fine del suo regno del terrore

Brandon Stark uccide la regina della notte

Le atrocità commesse dal Re della Notte e dalla sua regina non furono mai sfruttate, solo sapendo che c’erano innumerevoli sacrifici umani durante i suoi 13 anni al potere. Ci sono volute le forze unite tra il Nord e il Popolo Libero per far sparire il Re della Notte.

Fu creato un patto tra Brandon Stark, il Trasgressore e Joramun, il re-al-muro , per distruggere la minaccia degli Altri e liberare la Pattuglia della Notte. Nella battaglia finale, è stato detto che Joramun ha fatto saltare il Berrante d’Inverno e così ha svegliato i giganti che sono venuti in suo aiuto. Migliaia di anni dopo, il Popolo Libero crede ancora che questo oggetto sarebbe in grado di far cadere il Muro, se fosse saltato di nuovo.

Con la sconfitta del cattivo, la Pattuglia Notturna ha subito diverse conseguenze e ha conosciuto nuove regole per impedire che vengano nuovamente dominate. Tutti i castelli dell’esercito non possono avere fortificazioni a sud, in modo che non si oppongano alle terre che sono costrette a difendere. La Pattuglia notturna divenne politicamente neutrale, servendo solo il regno degli uomini, come guardiani ma mai governanti.

L’uomo dietro la leggenda

Re della Notte

Dopo la battaglia finale, tutti i record con il vero nome del famigerato Lord Commander furono cancellati. Brandon Stark ordinò che qualsiasi traccia della vera identità del Re delle Nevi venisse completamente eliminata dai libri di storia .

Ufficialmente era la leggenda che questo ordine era dovuto alla scoperta dei sacrifici umani agli Altri e per cercare di proteggere le seguenti generazioni di questa leggenda crudele. Ma c’è un’altra versione degli eventi, qualcosa che è solo una voce ma abbastanza forte per sopravvivere ai millenni della storia.

C’è una teoria alternativa che suggerisce che il Re della Notte fosse un uomo della Stark House . A causa della sua identità, Brandon Stark voleva cancellare ogni memoria che collegava la sua famiglia a un cattivo che poteva offuscare l’intero lascito dei Lords of Winterfell. Nel corso del tempo, altre famiglie del nord sono state individuate come all’origine del Re della Notte, da Bolton a Umber, tra molte altre.

La serie ha mostrato un’origine molto diversa

Foglia che si prepara a trasformare l'uomo

Dalla quarta stagione di Game of Thrones il pubblico ha visto diverse apparizioni del Re della Notte. Prima come visione di Bran, poi trasformando il bambino di Craster in un White Hiker, conducendo il massacro dei Durolar, e finalmente facendo il suo segno su Bran nella sesta stagione.

È stata la sua presenza nella stagione 6 a conoscere le origini del Night King nella serie. Quando Bran era nella caverna del corvo con tre occhi, ha una visione che mostra la creazione del cattivo. Il Re della Notte appare inizialmente come un essere umano legato ad un albero dopo essere stato catturato dai Figli della Foresta .

Era uno dei primi uomini ed era contro la sua volontà. Fu Folha che mise un pugnale di ossidiana nel cuore dell’uomo e creò il primo di molti White Walker. Quando Bran ritorna da questa visione, confronta Folha spiegando che hanno creato questi esseri per difendersi dai Primi Uomini. I Figli della Foresta venivano massacrati e i loro alberi sacri venivano tagliati, e la creazione dei Camminatori Bianchi era un tentativo di sopravvivere contro gli invasori.

George RR Martin ha parlato delle differenze tra i due re

Re della Notte

Con le profonde differenze tra i due re della notte, tutto sembra indicare che siamo di fronte a due figure diverse . Nel libro, il nome originariamente utilizzato è Night’s King , ma nella serie l’apostrofo scompare e diventa solo Night King . Entrambi sono stati tradotti in portoghese come King of the Night, ma questo dettaglio della lingua inglese può fare la differenza.

George RR Martin è l’autore della saga letteraria e la migliore fonte a cui i fan possono porre domande su queste differenze. E questo è esattamente ciò che un fan ha fatto, gettando la domanda sui diversi modi di scrivere il nome del cattivo e le divergenze alla fonte. L’autore ha risposto che preferiva ancora la forma del Re del Notte e ha aggiunto che:

“(…) nei libri è una figura leggendaria, simile a Lann the Smart e Brandon the Builder, e non ci sono più possibilità di sopravvivere fino ad oggi di loro.”

Quando la serie ha superato i libri esistenti, i creatori sono stati costretti a continuare lo sviluppo della mitologia di Westeros. Game of Thrones ha già apportato diverse modifiche al canone originale stabilito in The Chronicles of Ice and Fire , e il Re della Notte sembra non fare eccezione.

Sia nella sua forma letteraria o televisiva, una cosa è certa: questa figura leggendaria non ha ancora finito di raccontare la sua storia.


♥Aiutaci a condividerlo♥
  •  
  •  
  •  
  •   
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •