Ciao! vuoi iscriverti alla nostra newsletter? se la risposta è si, compila qui sotto, e ricevi i nostri aggiornamenti!

Hello! do you want to subscribe to our newsletter? if the answer is yes, fill it out below, and get our updates!


Carmelo Abbate, insulti sui social? Io sto con Carmelo ⋆ Il salotto delle parole

Ciao! vuoi iscriverti alla nostra newsletter? se la risposta è si, compila qui sotto, e ricevi i nostri aggiornamenti!

Hello! do you want to subscribe to our newsletter? if the answer is yes, fill it out below, and get our updates!


Carmelo Abbate, insulti sui social? Io sto con Carmelo

Ho avuto l’onore di fare un intervista al giornalista Carmelo Abbate, ( Abbate e non Abate, quando lo insultate almeno imparate a scrivere correttamente il suo cognome), e in un ora di intervista, oltre a dimostrarsi una persona che non ha paura di dire ciò che pensa, si è dimostrato una persona umile, mettendomi completamente a mio agio, con i suoi sorrisi, i suoi sbadigli e il suo trasmettere serenità.
Ero talmente agitata, che a fine intervista, ho persino parlato di Quarto Grado, chiamandolo Terzo Grado, da parte sua non una correzione, non un segno per farmi capire che avevo sbagliato, ha continuato a parlare come se nulla fosse successo, levandomi quell’imbarazzo che improvvisamente si era impadronito di me.
Non sono una persona colta, non sono una giornalista, coltivo solo le mie passioni e una delle mie passioni è la voglia di imparare sempre di più, acculturarsi, non sempre con i libri, ma con chi ne sa più di me.
Mi piace ascoltare, mi piace confrontarmi, e ascoltare le opinioni di chi non la pensa come me, pensa che noia ascoltare discorsi di chi dice ciò che pensi, in quel caso, mi chiedo, dove nascerebbe il dibattito? Che spunto dovrei prendere da una persona che pensa come la penso io? La mia voglia di imparare si fermerebbe lì, la mia voglia di sentire qualche altra opinione diversa dalla mia e aggiungerla al mio curriculum non ci sarebbe.
Seguendo Carmelo, ho avuto la fortuna di cambiare spesso un opinione , lui ne sa sicuramente di più di me e ascoltandolo gli ho rubato delle parole come se fossero piccoli pezzi di puzzle e aggiungendoli ai miei, ho finalmente completato i tanti quadri che avevo appeso incompleti.
Con questo, non voglio dire che lui è Dio e ciò che dice è verità, ma mi permetto di rivolgermi a tutte quelle persone che nell’ultimo periodo si sono divertite ( uso la parola divertirsi, perché solo con una tastiera e un monitor si divertono) ad insultarlo, ad augurargli la morte, a coalizzarsi con qualche altro leone da tastiera per screditarlo e per farlo passare per quello che in realtà non è, cambiando spesso il significato delle sue parole e quello che realmente non aveva detto.
Ho visto commenti ignobili, commenti che mi hanno fatto rabbrividire, commenti di persone che da loro si impara solo odio, il non rispetto per il prossimo, basta solo pensare che nei molti commenti sotto i suoi post, c’è gente che commenta “Non posso più leggere cosa scrive questo idiota, penso che lo faccia apposta per mettersi in mostra”, diciamocela tutta, chi è l’idiota? Carmelo che scrive NELLA sua pagina o tu che continui a leggere?
Purtroppo in Italia le cose funzionano così , viene preso di mira uno e tutti i nullafacenti per completare la giornata, corrono in massa ad insultare, “Tanto lo fanno tutti, lo faccio anche io”, questo è il loro motto.
Venerdì a quarto grado, la sorella della povera Manuela Bailo, chiedeva alle tante donne di smetterla di insultare sua sorella, donne che si sentivano in diritto e in dovere di insultare una povera ragazza, uccisa e buttata in una cascina come se fosse un sacco di juta, perché aveva una relazione con un uomo sposato. Se l’è meritato, la prossima volta impara ad andare con un uomo sposato
Donne, non può più imparare, perché l’uomo sposato si è sentito in diritto di toglierle la vita.
Viene sempre da pensare in questi casi, le parole di Umberto Eco, ” I social hanno dato diritto di parola a legioni di imbecilli”.
Concludo questo mio piccolo sfogo, dicendo che non sono una “Pdiota”, termine estremamente scemo che si è esteso anch’esso a macchia d’olio, lo dico, perché ogni volta che qualcuno è d’accordo con le parole di Carmelo, non ha più il diritto di scriverglielo, perchè o viene accusato politicamente o viene definito un leccaculo.
Ho votato Matteo Salvini, ( personalmente aspetterei a dire che lui è la salvezza, direi che è ancora troppo presto e soprattutto il suo volersi mostrare in continuazione sui social non mi piace per niente) ma non vado a LECCARGLI il culo sotto i suoi post o sotto le sue dirette chiamandolo MIO CAPITANO, anche perché queste parole mi ricordano due cose, L’attimo fuggente “CAPITANO MIO CAPITANO” , bellissimo film con Robin Williams, o mio padre, l’unico vero mio capitano, che mi ha insegnato il rispetto e i valori nella vita, e nemmeno mi permetto di andare ad insultare come fate voi, i tanti meridionali che oggi lo osannano ma che fino a ieri lo avrebbero voluto vedere morto, per le spiacevoli esternazioni che Salvini più volte ha fatto.
Probabilmente, i molti meridionali hanno cambiato idea, solo gli stupidi non lo fanno, imparate a rispettate le idee di tutti e imparate a non offendere chi non la pensa come voi, solo gli ignoranti non fanno questo.




Hits: 90

3 Comments

  • zvodret iluret 15/10/2018 at 6:16

    I’ve recently started a blog, the information you provide on this web site has helped me tremendously. Thanks for all of your time & work.

    Reply
  • zvodretiluret 17/10/2018 at 5:07

    Howdy! I just want to give a huge thumbs up for the good info you will have here on this post. I will be coming again to your blog for extra soon.

    Reply
  • furtdso linopv 19/10/2018 at 14:56

    Great awesome issues here. I?¦m very satisfied to see your article. Thank you a lot and i’m taking a look forward to contact you. Will you please drop me a e-mail?

    Reply

Leave a Comment

Vai alla barra degli strumenti