Ciao! vuoi iscriverti alla nostra newsletter? se la risposta è si, compila qui sotto, e ricevi i nostri aggiornamenti!

Hello! do you want to subscribe to our newsletter? if the answer is yes, fill it out below, and get our updates!


Le vere storie che hanno ispirato personaggi cinematografici "titanici" ⋆ Il salotto delle parole

Ciao! vuoi iscriverti alla nostra newsletter? se la risposta è si, compila qui sotto, e ricevi i nostri aggiornamenti!

Hello! do you want to subscribe to our newsletter? if the answer is yes, fill it out below, and get our updates!


Le vere storie che hanno ispirato personaggi cinematografici “titanici”

Probabilmente sapevi già che Jack e Rose, i personaggi principali del film del 1997 Titanic , non erano reali. Come tutti i film “basati su una storia vera”, il film ha aggiunto i propri elementi immaginari agli eventi storici. Ma durante il film, Jack e Rose si imbattono in diversi personaggi basati su persone reali, alcuni dei quali hanno storie molto più interessanti di quelle del film.

Sceneggiatore e regista del film, James Cameron, “ha voluto circondare [i ruoli interpretati da Leonardo DiCaprio e Kate Winslet], in particolare in prima classe, con i passeggeri reali”, dice Paul Burns, vice presidente e curatore per le attrazioni Titanic Museum in Missouri e Tennessee.

Don Lynch , lo storico della Titanic Historical Society, che ha anche lavorato come storico del film del 1997, dice che Cameron ha scelto queste persone in anticipo quando ha scritto la sceneggiatura. Sul set, Lynch ha consigliato agli attori gli accenti, i comportamenti e le personalità dei loro personaggi storici.

Kate Winslet, Leonardo DiCaprio e Kathy Bates in "Titanic", diretto da James Cameron.  (Credit: Twentieth Century Fox Pictures / ScreenProd / Photononstop / Alamy Foto d'archivio)
Kate Winslet, Leonardo DiCaprio e Kathy Bates in “Titanic”, diretto da James Cameron. 

Uno di questi personaggi della vita reale era Margaret Brown, interpretato da Kathy Bates nel film. Brown divenne noto come “The Unsinkable Molly Brown” a causa del suo ruolo durante e dopo il disastro del Titanic nell’aprile 1912. Una volta che la Carpathia  salvò i sopravvissuti del Titanic che erano fuggiti nelle scialuppe, Brown si coordinò con altri passeggeri di prima classe per aiutare i sopravvissuti della classe inferiore. In una delle sue scene più memorabili del film, cerca, senza successo, di persuadere la sua scialuppa piena di vita a remare indietro e salvare più persone. “Ci sono veri racconti che dicono che lo ha fatto”, osserva Burns.

Tuttavia, nonostante il suo ruolo ampio e vibrante, “non è mai stata così dinamica come la storia che la interpreta”, afferma Lynch.

Dopo il naufragio, Brown creò e presiedette un comitato di sopravvissuti, aiutò a organizzare sepolture per i corpi recuperati dai soccorritori e consegnò un premio al capitano della  Carpathia  per averli salvarli. “Era anche profondamente turbata dal fatto che non fosse in grado di testimoniare alle  udienze sul  Titanic , all’inchiesta, perché era una donna”, dice. (Queste sono state le udienze che gli Stati Uniti e la Gran Bretagna hanno tenuto per indagare su ciò che era accaduto).

La sopravvissuta al Titanic Margaret Brown al fianco del Capitano Arthur Rostron, della RMS Carpathia, che ricevette una coppa d'argento per salvare i sopravvissuti del naufragio del Titanic.  (Credito: DeAgostini / Getty Images)
La sopravvissuta al Titanic Margaret Brown al fianco del Capitano Arthur Rostron, della RMS Carpathia, che ricevette una coppa d’argento per aver salvato i sopravvissuti del naufragio del Titanic.

Un’altra importante figura storica del film è Wallace Hartley, il violinista interpretato dall’attore Jonathan Evans-Jones. Hartley è considerato uno degli eroi del Titanic perché, come il film mostra, ha tenuto la sua band a suonare mentre la nave affondava per aiutare le persone a rimanere calme – il più memorabile con la canzone “Nearer, My God, to Thee”.

Risultati immagini per Wallace Hartley, Jonathan Evans-Jones

 Wallace Hartley, il violinista a sinistra e 
l’attore Jonathan Evans-Jones a destra

“Non c’era nessuno sforzo per salvarsi”, dice Lynch dei membri della band, che sono morti tutti quella notte. “Hanno capito che la nave stava affondando e che erano necessari per mantenere la gente calma, e così hanno continuato a suonare”. Sappiamo che una delle canzoni che hanno suonato è “Nearer, My God” perché così “molte persone hanno affermato di averla sentito “, dice. (La band di Hartley probabilmente suonava la versione inglese della canzone, mentre il film mostra quella americana.)

Il violino di proprietà e interpretato dal maestro di band Wallace Hartley negli ultimi istanti prima dell'affondamento del Titanic, esposto in uno studio di conservazione a Lurgan, nell'Irlanda del Nord, 2013. Il violino è stato recuperato insieme al suo corpo 10 giorni dopo che lui e altri membri della band hanno suonato per calmare i passeggeri sul ponte della nave colpita dopo aver colpito un iceberg nel suo viaggio inaugurale.  Lo strumento reca un messaggio inciso dal fidanzato del musicista che recita: Per Wallace, in occasione del nostro fidanzamento.  Da Maria.  (Credit: Peter Muhly / AFP / Getty Images)

Il violino di proprietà e interpretato dal maestro di band Wallace Hartley negli ultimi istanti prima dell’affondamento del Titanic, esposto in uno studio di conservazione a Lurgan, nell’Irlanda del Nord, 2013. Il violino è stato recuperato insieme al suo corpo 10 giorni dopo che lui e altri membri della band hanno suonato per calmare i passeggeri sul ponte della nave colpita dopo aver colpito un iceberg nel suo viaggio inaugurale. 
Lo strumento reca un messaggio inciso dalla fidanzata del musicista che recita: Per Wallace, in occasione del nostro fidanzamento. 
Da Maria. 

Anche il capitano Edward John Smith è affondato con la sua nave sia nel film che nella vita reale. Ma lo storico Tim Maltin , che ha scritto libri e lavorato a documentari sul disastro, sostiene che non è accaduto nel film.

Secondo alcuni resoconti , “Smith ha effettivamente effettuato un’immersione dalla parte anteriore della timoniera in mare e poi ha nuotato aiutando le persone a raggiungere scialuppe di salvataggio”, afferma Maltin. “In realtà gli è stato offerto un posto su una scialuppa di salvataggio ma si è rifiutato di salire a bordo perché stava aiutando le persone. Era completamente eroico. “

La rapida decisione del capitano di sigillare le porte stagne, un altro evento della vita reale ritratto nel film, ha aiutato a salvare vite umane, afferma Burns. Il pensiero veloce di Smith “ha impedito alla nave di affondare come normalmente”, osserva. Se non avesse sigillato le porte, la nave sarebbe affondata verso il lato dove ha colpito l’iceberg e poi si sarebbe rotolata. Sarebbe affondata molto più velocemente.

Il cacciatore Hugh Walter McElroy e il capitano Edward J. Smith a bordo del Titanic durante la corsa da Southampton a Queenstown, in Inghilterra.  L'uomo che ha scattato la fotografia, FM Browne, è sceso a Queenstown, tre giorni prima che la nave colpisse un iceberg e affondò.  (Credito: Ralph White / Corbis via Getty Images)
Il cacciatore Hugh Walter McElroy e il capitano Edward J. Smith a bordo del Titanic durante la corsa da Southampton a Queenstown, in Inghilterra. L’uomo che ha scattato la fotografia, FM Browne, è sceso a Queenstown, tre giorni prima che la nave colpisse un iceberg e affondò. 

Oltre a Brown, Hartley e Capitan Smith, il film presenta anche personaggi storici che, anche se appaiono solo per un breve periodo, hanno storie incredibili a loro volta. Ricordi quella famosa scena in cui Jack e Rose si arrampicano fino alla poppa della nave mentre affonda? La coppia si blocca sulla ringhiera mentre le persone cadono giù, mentre l’uomo sopra di loro prende nervosamente un drink dalla sua fiaschetta.

Quell’uomo, Charles Joughin, era il capo panettiere della vita reale sul Titanic . Andò nell’acqua mentre si teneva sui binari posteriori della nave proprio come fa Jack e Rose nel film (e prima di allora, era tornato di nascosto nella sua stanza per un drink).

Risultati immagini per Charles Joughin

L’attore che ha interpretato  
Charles Joughin 
Risultati immagini per Charles Joughin
L’attore che ha interpretato 
Charles Joughin

Ma a differenza di Jack, Joughin è sopravvissuto. 

Risultati immagini per Charles Joughin
Il vero
Charles Joughin   

Il colonnello Archibald Gracie IV è stato un altro personaggio reale nel film che ha fornito umorismo con battute come “Torna al nostro brandy, eh?” Lynch dice che Gracie è stato risucchiata in acqua con la nave, probabilmente quando si è rotta la prima parte, e poi nuotò fino alla scialuppa di salvataggio pieghevole B. Sebbene Gracie fosse sopravvissuto, soffrì di ipotermia e morì più tardi quell’anno; eppure non prima di aver completato il suo libro , The Truth About the Titanic , che descriveva cosa gli era successo quella notte.

Immagine correlata

A sinistra l’attore che interpreta Archibald Gracie IV ( a destra il vero Archibald)

E infine, l’uomo d’affari americano Benjamin Guggenheim, che offre una delle righe più memorabili del film. Quando gli viene offerto un giubbotto di salvataggio, rifiuta, spiegando che lui e il suo valletto sono vestiti nei loro abiti migliori e pronti a scendere con la nave come signori. Quindi aggiunge: “Ma vorremmo un brandy”.

Immagine correlata
L’attore che interpreta 
Benjamin Guggenheim e il  suo valletto

Benjamin Guggenheim (18658-1912) della famiglia di controllo del rame che fu persa nel disastro del Titanic.  (Credit: Bettmann Archive / Getty Images)

Benjamin Guggenheim (18658-1912) della famiglia di controllo del rame che fu persa nel disastro del Titanic.

Sorprendentemente, Lynch dice che c’è anche del vero.

L’amministratore di Guggenheim ha affermato in seguito che lo ha aiutato a vestirsi calorosamente, e che più tardi è salito sul ponte con il suo valletto ed erano entrambi in smoking “, spiega Lynch. “E lui disse: ‘Siamo vestiti al meglio e siamo pronti a scendere come signori'”.

La linea di brandy era qualcosa che Cameron ha aggiunto, e Lynch pensa che, a causa di ciò, “ci sono persone che dicono oggi che lo hanno sentito dire esattamente di volere un brandy.” Per essere chiari, non c’è documentazione storica che Guggenheim abbia richiesto un brandy prima di morire . Tuttavia, come spiega Lynch, “il film di Jim è così realistico, per certi aspetti, che le persone ora credono che alcune di quelle cose nel film siano reali”.

Hits: 40

2 Comments

  • furtdsolinopv 17/10/2018 at 9:59

    Hiya, I’m really glad I’ve found this info. Today bloggers publish just about gossips and web and this is actually annoying. A good web site with interesting content, this is what I need. Thanks for keeping this web site, I’ll be visiting it. Do you do newsletters? Cant find it.

    Reply
  • zvodret iluret 17/10/2018 at 21:51

    Howdy! This is my first comment here so I just wanted to give a quick shout out and say I really enjoy reading your blog posts. Can you suggest any other blogs/websites/forums that go over the same topics? Thank you so much!

    Reply

Leave a Comment

Vai alla barra degli strumenti