Una madre accusa Pokèmon di aver sconvolto il figlio di 38 anni ⋆ Il salotto delle parole

Una madre accusa Pokèmon di aver sconvolto il figlio di 38 anni

Una madre accusa Pokèmon di aver sconvolto il figlio di 38 anni

Per coloro che non conoscono il termine, “Hikikomori” è un termine giapponese usato per designare persone che hanno deciso di abbandonare completamente la vita sociale. In generale, queste persone sono isolate nelle loro case a causa della fobia o dell’ansia sociale. Inoltre, molte volte decidono di passare il loro tempo a guardare film, giocare a un videogioco o persino a collezionare porno. In ogni caso, è un problema che colpisce molte persone in Giappone, quindi una donna ha deciso di rivelare il problema specifico di suo figlio attraverso un’intervista .

Per Takako Watanabe, la colpa che suo figlio soffre di Hikikomori è dovuta principalmente a ” Pokémon “, sia nei videogiochi che negli anime. Ma suo figlio non è un bambino o un adolescente … ma un uomo di 38 anni.

“Ho deciso di passare il resto della mia vita giocando a ‘Pokémon'”, ha detto il figlio di Watanabe prima di lasciare l’università. Apparentemente, l’origine è in un gioco comprato da sua madre al liceo e questo ha provocato un problema che lo ha trascinato per diversi anni.

Disturbo mentale dei Pokemon

Anche così, la madre non solo accusa i “Pokémon” di questo problema, ma si concentra anche sul rigoroso sistema educativo giapponese, che “riduce i sentimenti dei bambini giapponesi”. Anche se ha frequentato la terapia e ha eseguito trattamenti di tutti i tipi, il “bambino” è ancora impegnato a viziare i “Pokémon”, così che si può fare ben poco per farlo uscire dalla sua bolla.

Hits: 109

2 thoughts on “Una madre accusa Pokèmon di aver sconvolto il figlio di 38 anni

  1. La colpa non è dei Pokémon ma della società giapponese che la madre difende la società giapponese

  2. It¦s really a great and helpful piece of information. I¦m satisfied that you shared this helpful info with us. Please stay us up to date like this. Thank you for sharing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti