Il presidente della Marvel ricorda Stan Lee in un'intervista emotiva ⋆ Il salotto delle parole

Il presidente della Marvel ricorda Stan Lee in un’intervista emotiva

Il presidente della Marvel ricorda Stan Lee in un’intervista emotiva

Il 12 novembre il mondo del cinema e dei fumetti dei supereroi ha vacillato. Nel tardo pomeriggio arrivò la triste notizia della morte di Stan Lee , che all’età di 95 anni lasciò nomi orfani come Thor, The Fantastic Four, Black Panther o Spider-Man. Quando la notizia è stata resa pubblica, Internet è stato invaso con messaggi commemorativi da tutta Hollywood e da tutti i fan che ha raccolto negli ultimi 60 anni.

“Nessuno ha avuto più impatto sulla mia carriera e su tutto ciò che facciamo ai Marvel Studios di Stan Lee”, ha scritto Kevin Feige . “Stan lascia uno straordinario patrimonio che sopravviverà a tutti noi … I nostri pensieri sono con sua figlia, la sua famiglia e i milioni di fan che sono stati toccati dal genio, dal carisma e dal cuore di Stan. Excelsior!” Due settimane dopo, il presidente dei Marvel Studios ha voluto rendere omaggio a Stan Lee attraverso un’intervista in cui ha recensito “L’uomo” per lui e il mondo dei fumetti.

“Hai sentito la storia, che penso sia vera, che quando Stan Lee era un giovane scrittore alla Marvel Comics ed era stanco di fare sempre la stessa cosa, è stata sua moglie Joan a incoraggiarlo a creare il tipo di storie che voleva davvero. Questo ha portato a “I fantastici quattro”, quindi a “Hulk” e “Spider-man”, quindi a “Iron Man” e “X-Men”, “ha dichiarato il produttore a Entertainment Weekly . “A metà degli anni Sessanta si rese conto che la gente rispondeva ai suoi personaggi nello stesso modo in cui lo faceva con i miti classici che aveva letto da bambino, e fu allora che disse:” Aspetta un minuto. a quei personaggi li farò eroi. “E Thor, Odin, Loki e Hela arrivarono.”

“Ha preso dei rischi e ha scritto quello in cui credeva. Puoi vederlo in una delle colonne ‘ Stan’s Soapbox ‘ – gli editoriali di ‘The Man’ inclusi nei fumetti – dove dice che ‘una storia senza un messaggio è come un uomo senza un’anima’ “, dice Feige, che sottolinea anche il coinvolgimento sociale di Stan e il suo desiderio di evidenziare i problemi sociali:” Quello che Ryan Coogler potrebbe fare con “Black Panther” non esisterebbe se Stan Lee e l’artista Jack Kirby non avessero rischiato di portare un personaggio africano , non afro-americano, alle loro storie, questo è accaduto in piena effervescenza del movimento per i diritti civili, è stato incredibile per me, aveva davvero un buon cuore, credeva nel meglio dell’umanità. Credeva anche nelle imperfezioni dell’uomo, che potevano essere superate. Alcune delle sue lezioni sono silenziose. Non è venuto sul set e ha letto le sceneggiature e controllato i tagli. È venuto, ha fatto un cameo che ha entusiasmato tutti e ha lasciato che il suo lavoro parlasse da sé “.

Feige ha anche qualcosa da dire su quello che è stato il suo ultimo incontro con Lee. “È stato molto gentile, compresa quella che è stata la mia ultima conversazione con lui circa due settimane prima della sua morte, sono andato a casa sua per vederlo e lui si è ricordato dei suoi cameo. Stavamo parlando di quello che sarebbe successo, guardando sempre al futuro. Sapeva che il suo tempo stava per scadere? Non lo so, era più malinconico di quello che avevo visto prima, parlava del passato più di quanto avesse mai fatto prima, la prima cosa che disse fu: “So che vuoi che io interpreti il prossimo film, ma sto per fare cameo, dovrai lasciare i ruoli principali per altri attori, mi dispiace “.

Stan Lee lascia un’eredità che sarà eterna, incluso un nuovo supereroe sconosciuto che ha creato pochi giorni prima della sua morte . E possiamo sempre vederlo fare i suoi famosi cammei nei film. Infatti, non solo apparirà in “Avengers 4” il prossimo maggio, ma apparirà anche in “Ralph Rompe Internet” , che arriverà al cinema questo 5 dicembre.

Related Post

Hits: 19

Michela MuzzatiMichela Muzzati

Ciao a tutti, mi chiamo Michela e nel tempo libero faccio la blogger. Sono appassionata di film, serie tv e videogiochi, ma mi piace scrivere qualsiasi cosa attiri la mia curiosità. Ho una passione sfrenata per tre serie tv, The Walking Dead, Vikings e Breaking Bad, dove nel blog, puoi trovare diversi articoli. Il mio idolo in assoluto è Freddie Mercury, nel blog nasce una sua categoria. Ho una profonda stima per il giornalista Carmelo Abbate, mi piace definirlo, il mio maestro di vita e lo è. Da lui ho imparato molto, in particolare l'onestà e il rispetto su tutto quello che faccio. Non ho hobby, ma se seguire ogni suo programma, ogni suo scritto, ogni sua avventura, ogni sua ricetta, si può definire tale, allora il mio hobby è Chef Rubio, che amo profondamente. Spero che questo blog ti piaccia e ci aiuterai a divulgarlo, magari con una semplice condivisione dell'articolo che hai appena letto. Grazie a tutti e buona lettura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti