Ciao! vuoi iscriverti alla nostra newsletter? se la risposta è si, compila qui sotto, e ricevi i nostri aggiornamenti!

Hello! do you want to subscribe to our newsletter? if the answer is yes, fill it out below, and get our updates!


25 Novembre Giornata internazionale, contro la violenza sulle donne ⋆ Il salotto delle parole

Ciao! vuoi iscriverti alla nostra newsletter? se la risposta è si, compila qui sotto, e ricevi i nostri aggiornamenti!

Hello! do you want to subscribe to our newsletter? if the answer is yes, fill it out below, and get our updates!


25 Novembre Giornata internazionale, contro la violenza sulle donne

Perché dobbiamo eliminare la violenza contro le donne

La violenza contro le donne e le ragazze (VAWG) è una delle violazioni più diffuse, persistenti e devastanti dei diritti umani nel nostro mondo che oggi rimane in gran parte non dichiarata a causa dell’impunità, del silenzio, dello stigma e della vergogna che la circondano.

In termini generali, si manifesta in forme fisiche, sessuali e psicologiche, che comprendono:

  • violenza da parte del partner intimo (violenza, abuso psicologico, stupro coniugale, femminicidio);
  • violenza sessuale e molestie (stupro, atti sessuali forzati, avances sessuali indesiderate, abusi sessuali su minori, matrimoni forzati, molestie di strada, stalking, molestie informatiche);
  • tratta di esseri umani (schiavitù, sfruttamento sessuale);
  • mutilazione genitale femminile; e
  • matrimonio infantile.

Per chiarire ulteriormente, la Dichiarazione sull’eliminazione della violenza contro le donne, emessa dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1993, definisce la violenza contro le donne come “qualsiasi atto di violenza di genere che si traduca, o possa comportare, in senso fisico, sessuale o danno psicologico o sofferenza alle donne, comprese le minacce di tali atti, la coercizione o la privazione arbitraria della libertà, che si verifichino nella vita pubblica o privata. “

Le conseguenze negative per la salute, psicologiche, sessuali e riproduttive della VAWG interessano le donne in tutte le fasi della loro vita. Ad esempio, gli svantaggi educativi precostituiti rappresentano non solo il principale ostacolo alla scolarizzazione universale e il diritto all’istruzione per le ragazze; su tutta la linea sono anche da biasimare per limitare l’accesso all’istruzione superiore e persino tradursi in opportunità limitate per le donne nel mercato del lavoro.

Mentre la violenza di genere può accadere a chiunque, ovunque, alcune donne e ragazze sono particolarmente vulnerabili – ad esempio, ragazze giovani e anziane, donne che si identificano come lesbiche, bisessuali, transgender o intersessuali, migranti e rifugiati, donne indigene e minoranze etniche , o donne e ragazze che vivono con l’HIV e disabilità, e coloro che vivono attraverso crisi umanitarie.

La violenza contro le donne continua a rappresentare un ostacolo al raggiungimento dell’uguaglianza, dello sviluppo, della pace e del rispetto dei diritti umani delle donne e delle ragazze. Tutto sommato, la promessa degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) – non lascia indietro nessuno – non può essere soddisfatta senza porre fine alla violenza contro donne e ragazze.

Figure allarmanti

  • 1 su 3 donne e ragazze subiscono violenza fisica o sessuale durante la loro vita, più frequentemente dal proprio partner.
  • Solo il 52% delle donne sposate o in un’unione prende liberamente le proprie decisioni in merito a rapporti sessuali, uso di contraccettivi e assistenza sanitaria
  • In tutto il mondo, quasi 750 milioni di donne e ragazze viventi oggi si sono sposate prima del loro diciottesimo compleanno; mentre 200 milioni di donne e ragazze hanno subito mutilazioni genitali femminili (MGF)
  • 1 donna su 2 uccisa in tutto il mondo sono state uccise dai loro partner o familiari nel 2012; mentre solo 1 uomo su 20 è stato ucciso in circostanze simili
  • Il 71% di tutte le vittime della tratta di esseri umani nel mondo sono donne e ragazze e 3 su 4 di queste donne e ragazze sono sessualmente sfruttate
  • La violenza contro le donne è una causa grave di morte e incapacità delle donne in età riproduttiva come il cancro maggiore causa di malattia rispetto agli incidenti stradali e alla malaria messi insieme.

Azione globale: Orange the World

Il 25 di ogni mese è stato designato Orange Day dalla campagna delle Nazioni Unite Say No, UNiTE lanciata nel 2009 per mobilitare la società civile, gli attivisti, i governi e il sistema delle Nazioni Unite per amplificare l’impatto della campagna del Segretario generale dell’ONU, UNiTE a Fine della violenza contro le donne . I partecipanti di tutto il mondo sono incoraggiati a indossare un tocco di arancione in solidarietà con la causa: il colore simboleggia un futuro più luminoso e un mondo libero dalla violenza contro donne e ragazze.

Il tema del 2018 è Orange the World: #HearMeToo e come le precedenti edizioni, la data segna il lancio di 16 giorni di attivismo che si concluderà il 10 dicembre 2018, Giornata internazionale dei diritti umani .

Una serie di eventi pubblici sono coordinati, tra cui edifici iconici e punti di riferimento saranno “oranged” per ricordare la necessità di un futuro senza violenza.

Hits: 24

No Comments

Leave a Comment

Vai alla barra degli strumenti