Anteprima di Resident Evil 2 ⋆ Il salotto delle parole

Anteprima di Resident Evil 2

Anteprima di Resident Evil 2

L’editore Capcom sta terminando il 2018 con una nota alta, con il recente debutto di Mega Man 11 che ha chiuso l’ anno con la chiusura dello sviluppatore Dead Rising Capcom Vancouver e iniziato con il successo di successo di Monster Hunter World . A giudicare dalle cose, la stimata società di giochi si sta preparando per il successo nel 2019 con uno dei titoli più ambiziosi fino ad oggi, Resident Evil 2 .

Un remake a pieno titolo del classico del 1998, RE2 mira a catturare l’essenza di ciò che ha reso il titolo originale così iconico mentre aggiorna il gameplay e l’estetica agli standard attuali delle attuali macchine di fascia alta. Mentre i puristi possono rifiutare la rimozione degli sfondi pre-renderizzati e degli angoli fissi della telecamera, il nostro periodo di prova con Resident Evil 2 dimostra che survival horror è ancora vivo, o almeno definitivamente non morto.

L’originale Resident Evil 2 rimane uno dei titoli più amati di Capcom . Questo remake può raggiungere le alte vette del suo progenitore? È certamente troppo presto per dirlo con certezza, ma basandoci sul nostro momento pratico con l’ultima demo del gioco al Comic Con 2018 di New York, sono certamente sulla strada giusta.

RESIDENT EVIL 2 COMBINA UNO SCENARIO CLASSICO CON MODERNE SENSIBILITÀ

Inizialmente, c’era il timore che RE2 avrebbe segnato un ritorno al focus di azione dei brividi high-octane di Resident Evil 4, 5 e 6 . La fotocamera over-the-spalla ha davvero una somiglianza superficiale con quei titoli, ma non fare errori – Resident Evil 2 riprende proprio da dove la serie è stata interrotta ed è un sincero successore del Resident Evil 7 del 2017 : Biohazard .

Anche se questo gioco è tecnicamente un remake di un titolo precedente, ha chiaramente il budget, l’artigianalità e la filosofia del design del prossimo capitolo principale della saga di Resident Evil . Il gioco gira sullo stesso motore RE che alimentava RE7 , e i menu e l’interfaccia assomigliano a quel titolo molto più di qualsiasi altro gioco Resident Evil . Anche se questo remake gioca da una prospettiva in terza persona, e la velocità di movimento del giocatore è aumentata rispetto ai corridori VR-friendly di Resident Evil 7 , non è certamente un gioco d’azione come RE4. Gli zombie non morti sono spugne di proiettile, le munizioni sono dolorosamente scarse e la mira richiede precisione, tempismo e pazienza. Ogni mostro rappresenta una minaccia, e questo è il doppio per i boss nemici.

Come il remake del 2002 del Resident Evil originale per GameCube, RE2 non è un ritorno al passato per una veloce presa in contanti. Questo gioco rivisita un ambiente e una storia classici con il beneficio di vent’anni di esperienza e il senno di poi. Ciò che era vecchio è di nuovo; sembra paradossale, ma con entrambi questi (molto diversi) remake, l’ universo Resident Evil riesce ad andare avanti e contemporaneamente ad onorare il suo passato.

RESIDENT EVIL 2 PRESENTA BATTAGLIE BOSS CLAUSTROFOBICHE E INTENSE

La demo del Comic Con di New York vede Claire Redfield dopo aver incontrato brevemente la giovane Sherry Birkin, Claire viene tesa in  un’imboscata da suo padre, William. Sfortunatamente, il patriarca Birkin è un mostro orribilmente mutante, potenziato e deformato dal G-Virus, un oscuro progetto scientifico della sua stessa creazione.

Claire è armata con una pistola da 9 mm con una bassa velocità di fuoco e una scarsa capacità di cinque colpi. Fortunatamente, è dotata anche di una mitragliatrice, il suo tipico lanciagranate – completo di colpi acidi ed esplosivi – e l’ambiente è disseminato di munizioni aggiuntive, bombe a mano ed erbe verdi per la guarigione. L’ambientazione, un labirintico labirinto di tubi arrugginiti e passaggi stretti, rende l’ambiente ideale per la battaglia, e Claire deve correre come un matta lontano dalla portata intimidatoria di Birkin, sparando a colpi di fulmine quando può.

Dopo aver bruciato tutte le sue granate e le munizioni della mitragliatrice, colpendo il punto debole della spalla di Birkin, infame e spettrali, un colpo di pistola apparentemente futile, è riuscito a terminare la battaglia, innescando un filmato. Un Birkin danneggiato incespica e cade su un binario nell’abisso sottostante, proprio come nel gioco originale. Claire recupera Sherry e le due vanno avanti nel parcheggio del Dipartimento di Polizia di Raccoon.

RESIDENT EVIL 2 OFFRE PROGRESSI DRAMMATICI DI NARRAZIONE

Resident Evil 2 Remake Chief Irons

RE2 non è un remake diretto del sequel originale, e chiamarlo semplicemente un remaster o port sarebbe un disastroso disservizio per i numerosi e vari cambiamenti che il gioco porta al survival horror table. Questo è un gioco Resident Evil nuovo di zecca , ma sembra che riveli la storia di uno dei capitoli più iconici della serie. In tutto il nostro tempo con entrambe le demo del gioco, questo non è mai più evidente di un film drammatico nel garage con Claire, Sherry e Chief Brandon Irons, che è ancora più spaventoso qui di quanto non fosse nell’originale.

La versione del 1998 del capo della polizia di Raccoon City era uno psicopatico corpulento e robusto che usava le sue connessioni con la malvagia Umbrella Corporation per facilitare le sue vili ambizioni. Questa nuova interpretazione del personaggio sembra altrettanto malvagia, ma sembra più vecchio e più paffuto, dandogli più di un “cattivo nonno”, che, grazie allo stile foto-realistico del nuovo motore, lo rende ancora più spaventoso di prima.

I Chief Irons subiscono la caduta di Claire e Sherry, tenendoli entrambi sotto tiro, e costringendo la ragazza a legare i polsi del suo tutore. Quindi rapisce la ragazza Birkin. Il capitano della polizia, anche se solo un uomo, e non una bruto mutante , è altrettanto spaventoso di qualsiasi mostro non morto che il gioco possa lanciare contro il giocatore. La sua distinta psicosi aggiunge un terrore pericolosamente riconoscibile alle paure altrimenti fantastiche che i giocatori incontreranno nel gioco.

Sebbene Claire sia in grado di sfuggire alle sue restrizioni, non è in grado di salvare la sua giovane carica, e la demo termina con la signora Redfield da sola nel garage, sconfitta, ma determinata a sopravvivere, a salvare il bambino ribelle e a far pagare Irons i suoi misfatti.

La recitazione in questa scena è di prim’ordine, con la combinazione di vertigine e disperazione di Irons che gli danno un’aura scomoda di pericolo inquietante. L’animazione è anche incredibilmente realistica; l’espressione sulla faccia di Claire quando è colpita dalla pistola da Irons è indescrivibile, e la sofferta reazione di Sherry al dramma palpabile che si svolge intorno a lei è decisamente straziante.

Resident Evil 7: Biohazard è stato un nuovo inizio per il franchise survival horror di lunga durata. A prima vista, Resident Evil 2 potrebbe sembrare ignorare i passi avanti compiuti dall’ultima entrata nella soap opera dei videogame da decenni, ma in realtà sembra un seguito naturale ai progressi compiuti da RE7 .

Mentre il boss pieno di azione contro il mutante Dr. Birkin era un esercizio martellante in tattiche di combattimento o fuga e adrenalina sfrenata, era, soprattutto, spaventoso. Allo stesso modo, i familiari corridoi dell’edificio RPD possono essere nostalgici per i fedeli della RE , ma il design del gioco è a dir poco terrificante; a differenza dell’originale ben illuminato, i corridoi infestati dagli zombie dell’RPD sono quasi neri come la pece, e l’unica fonte di illuminazione è spesso la torcia stessa del giocatore, e l’orrore viene, non da un’abbondanza di spaventi salti, ma dalla prospettiva di che terribili mostruosità possono o non possono aspettarci nell’oscurità.

Resident Evil 2 sarà in commercio nei  negozi il 25 gennaio 2019, ventuno anni dopo la prima uscita del gioco originale, nel lontano 21 gennaio 1998. Molto è cambiato negli ultimi due decenni, ma una cosa che rimane è Resident Evil  ha la capacità di adattarsi, innovare, sorprendere e, soprattutto, terrorizzare.

Hits: 19

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti