La DC ha sempre desiderato essere rilevante nel mondo del cinema. E ‘abbastanza sorprendente che ora sono incaricati di seguire le orme della Marvel, raccogliendo le briciole, quando a Washington sono stati i primi ad avvicinarsi ai film dei supereroi, con il magistrale’ Superman ‘di Richard Donner, le due puntate di’ Batman ‘da Tim Burton (evitiamo quelli di Joel Schumacher), o anche la trilogia di Nolan, che ha dato una nuova visione al Cavaliere oscuro e ha fatto sì che gli accademici, finalmente, si accorgessero di questo genere cinematografico.

Ma dal momento che Zack Snyder era ai comandi e ha deciso di creare un universo condiviso, le cose sono andate di male in peggio. L’urto di “L’uomo d’acciaio”, seguito dalla scarsa ricezione di “Batman vs. Superman: l’alba drlla Giustizia ‘, o la delusione di’ Suicide Squad ‘dopo una campagna di promozione imbattibile. È stato salvato solo da “Wonder Woman” in fiamme che, nonostante tutto, ripete gli stessi errori (ricorda la battaglia finale) del resto. Ma poi è arrivata “Justice League” e abbiamo incontrato “Aquaman” di Jason Momoa, o “Flash” di Ezra Miller ed ehi, il futuro sembrava più luminoso.

Storia

Il film inizia come una storia di origini, con la voce fuori campo di Momoa che ci dice da dove viene (letteralmente). Abbiamo partecipato al primo incontro tra la regina Atlanna e Tom Curry, un guardiano del faro della costa del Maine, e come nasce l’amore tra di loro, con una storia d’amore molto simile a “Un, dos, tres … splash! ‘, ma invece di Daryl Hannah, qui abbiamo Nicole Kidman, nel suo ritorno ai film di supereroi dopo’ Batman Forever ‘, quasi 20 anni fa.

Nicole Kidman Aquaman

Ma non tutto è roseo. Atlanna è costretta a tornare su Atlantis e lascia Tom e il figlio Arthur. Così il bambino cresce senza una madre, e scopre che può comunicare con il pesce (la scena della scoperta in mezzo l’acquario è spettacolare), Atlanna Vulko si comanderà il suo consigliere reale, per addestrarlo.

Dopo tutta questa presentazione, incontriamo il più vecchio Aquaman, Jason Momoa in pienezza, e come fa a salvare un sottomarino da un attacco pirata, anche se si lascia dietro uno dei cattivi, non volendo salvargli la vita. Il figlio di questo cattivo giurerà vendetta e finirà con il convento in Black Manta, uno dei nemici più letali di Aquaman nei fumetti.

In parallelo, abbiamo Re Orm , figlio di Atlanna, fratellastro di Arthur, che vuole dichiarare la guerra in superficie  e non c’è nulla che possa fermarlo. Tranne Aquaman. Appare Mera, la fidanzata di Orm, e va in cerca di Arthur per aiutarli a salvare Atlantide e la Terra in generale, ma non tutto sarà così facile.

Re Orm Aquaman

Jason Momoa

L’attore hawaiano è di gran lunga il migliore del film. Il suo carisma è brutale, è passato da essere un rigido interprete  (il suo Khal Drogo era piuttosto debole, parlo come attore) a uno molto simile a Dwayne Johnson , con il quale già confrontato in vari media. Si sente a suo agio nel ruolo e il suo fisico aiuta molto, facendoci dimenticare che il vero Aquaman era biondo .

Momoa porta il peso del film sulle sue spalle, e il suo rapporto con il resto degli attori è reale, passa attraverso lo schermo. Non sappiamo quanto ci sia improvvisato nella sua performance, ma il suo umorismo è molto vicino ai film di The Rock e questo è un punto a favore.

Jason Momoa

Amber Heard

L’altra grande sorpresa del film è Amber Heard . Ultimamente abbiamo sentito il suo nome molto più spesso a causa della sua vita privata ( accuse di abusi contro Johnny Depp  ) che per i suoi traguardi cinematografici. Quando Warner ha annunciato la sua firma, poche persone ne sono state entusiaste , ma è vero che la giovane attrice dà tutto e riesce a dare credibilità al suo personaggio in modo molto convincente. Non solo, ma la sua dinamica (e chimica) con Momoa è perfetta.

Le scene della battaglia a cui partecipa sono  uno dei punti di forza e, in effetti, la sua è la migliore sequenza del film: l’ inseguimento attraverso i tetti della Sicilia con “sequenza piana” usando, il marchio di casa di James Wan.

Sotto il maaaar, sotto il maaaar

Una delle principali complicazioni del film era che oltre il 50% delle scene sarebbero state sotto il mare. Come è credibile fare tutto questo? Il modo di parlare, di muoversi … era uno degli handicap più difficili di James Wan e lo ha risolto con un appunto. Il continuo movimento dei capelli, aggiungendo anche una strano eco marino alle voci, ci fa dimenticare che sono sott’acqua, ma allo stesso tempo rende credibile che siano sott’acqua (se questo ha qualche logica).

aquaman james wan marvel dc comics

Luce e luminosità arrivano a DC grazie al regno di Atlantide e ai disegni dei suoi personaggi (forse troppo kitsch, specialmente nel Regno dei Pescatori), ed è apprezzato, come DC è stata caratterizzata negli ultimi anni da un oscurità troppo presente. ‘Aquaman’ è un personaggio divertente, deve essere. Ci deve essere luce, ci deve essere divertimento, a differenza di Batman, che è molto più oscuro, nato dall’oscurità, e James Wan è riuscito a vedere chiaramente (notare l’assenza di Zack Snyder).

Uno dei punti forti è l’arrivo a La Fosa, il regno del terrore sottomarino. È qui che abbiamo notato la mano del regista di “Warren File”, con alcune creature abissali che davano reale terrore e una sequenza terrificante, con Aquaman e Mera totalmente assediati dalle creature.

VERDETTO

Il film svolge le sue funzioni ed è un divertimento senza pretese che piacerà a tutti (a meno che tu non sia un fan dei fumetti, quindi … ho i miei dubbi). Il problema è che, nonostante tutto il film Wan cerchi di evitare gli errori di altri nastri DC, alla fine finisce per cadere in ognuno di loro, principalmente a causa di quel risultato che non aveva bisogno , ma che assumiamo sarà colpa di qualche dirigente della Warner che voleva più azione. La battaglia finale getta epiche ma rimane in un miscuglio di creature e lotte senza alcun senso, e finisce per essere più o meno la stessa cosa che abbiamo visto centinaia di volte e molto meglio.

Un altro grosso problema è, come al solito, il cattivo. Patrick Wilson è un attore che sta sempre bene, soddisfa sempre, ma la dimensione del suo personaggio è nulla. Le loro motivazioni sono piuttosto superficiali e il loro design è piuttosto ridicolo. Lo stesso vale per Willem Dafoe con il suo Vulko. Quello che avrebbe potuto essere un personaggio memorabile non è niente, a causa del nuovo design (e dei capelli) e della mancanza di ottime frasi. Potrebbe essere stato molto di più, ovviamente.

Squali di battaglia di Aquaman

E poi abbiamo Black Manta, che nessuno sa perché è lì, dal momento che la sua presenza è totalmente superflua. Nonostante tutto, è un film molto divertente che vola (nonostante la sua durata eccessiva) e che ha scene e momenti memorabili, accompagnato da una colonna sonora che non sempre funziona ma, quando lo fa, lo fa in grande (specialmente che gli anni ottanta si toccano con sintetizzatori che possiamo sentire nell’inseguimento attraverso i tetti della Sicilia).

Il migliore: Jason Momoa. Senza dubbio È IL FILM. L’umorismo La sequenza di La Fosa e la persecuzione in Sicilia. 

Il peggio: il design . Il combattimento finale Alcune decisioni sono in qualche modo assurde. Il cattivo Patrick Wilson, il Vulko (Willem Dafoe) e la ridicola Black Manta.

Ad ogni modo, vai al cinema e giudica te stesso.

Hits: 30