Perché il colore rosa è associato alla nascita delle bambine? ⋆ Il salotto delle parole

Perché il colore rosa è associato alla nascita delle bambine?

Perché il colore rosa è associato alla nascita delle bambine?

Il rosa è stato definitivamente stabilito come colore femminile degli anni ’80; tuttavia, ci è voluto molto tempo per arrivare a questo. In passato, il costo degli inchiostri tessili era proibitivo per la maggior parte della popolazione, quindi i bambini piccoli, indipendentemente dal genere, usavano vestiti bianchi fino a quando non avevano circa sei anni . I colori pastello, tra cui il rosa e il blu , iniziarono ad essere associati ai bambini all’alba del 20 ° secolo, prima della prima guerra mondiale.

piccolo bambino vestito di rosa

Ma, a quel tempo, la distinzione di genere che abbiamo oggi non era ancora così forte. In effetti, alcuni hanno difeso il contrario di ciò che accade oggi: il Dipartimento per i bambini di Earnshaw ha pubblicato un articolo nel 1918 che sosteneva che l’azzurro fosse per le bambine e il rosa per i bambini . Secondo l’interpretazione di quel tempo, il rosa era un colore più “forte e deciso”, mentre l’azzurro spiccava per la sua “delicatezza e gentilezza” . È vero, anche se i colori erano invertiti, il machismo era implicito nelle elezioni.

 

Il gioco del marketing.

Ma tutto ciò cambiò nel 1927 grazie a un sondaggio condotto da Time in vari negozi negli Stati Uniti. Nell’articolo pubblicato si è concluso che la dicotomia tra i colori rosa e azzurro non era unanime: mentre il 45% dei negozi raccomandava il rosa per i bambini, un altro 45% raccomandava lo stesso colore per le bambine. E solo il 5% ha raccomandato il rosa per entrambi, senza alcuna distinzione.

Nell’introduzione, e come giustificazione per la pubblicazione , si può leggere: ” In Belgio, la principessa Astrid (…) ha dato alla luce un bambino di 3,1 kg. Secondo le informazioni ufficiali: “il presepe era decorato in rosa, il colore per i bambini, perché per le bambine era azzurro. Molti lettori del giornale negli Stati Uniti hanno detto: “Come, rosa per un uomo? Nella nostra famiglia, il rosa è sempre stato per le bambine e azzurro per i bambini “.

Dopo la seconda guerra mondiale, Mamie Geneva Doud di Eisenhower, moglie del presidente americano Dwight Eisenhower, divenne uno dei principali promotori del colore rosa per le donne. La first lady ha partecipato alla cerimonia di protesta del marito con un esuberante vestito rosa e, di fatto, ha usato lo stesso colore in molte apparizioni pubbliche e eventi ufficiali.

Mamie Eisenhower

Mamie Geneva Doud di Eisenhower

Quella sottomessa casalinga, moglie di un soldato, si inseriva perfettamente in un’era dominata dall’élite machista, prima della rivoluzione sessuale. Le giovani donne di quel tempo, che lavoravano spesso come operai in abiti blu o scuri per la maggior parte del tempo , guardavano favorevolmente a questo contrasto.

L’ascesa della rosa nel mondo delle donne.

All’inizio degli anni ’70, dopo l’ascesa di movimenti pacifisti e sociali, l’uso di abiti unisex tra le donne divenne comune. L’abbigliamento neutro di genere ha goduto di una certa popolarità fino a quando, a metà degli anni ’80, il rosa ha prevalso con tutta la sua forza nella tavolozza dei colori dei prodotti femminili .

Quando i test prenatali divennero popolari per conoscere il sesso del bambino, il cambiamento accelerò ancora di più. Quei genitori che scoprirono se avessero avuto un bambino o una bambina molto prima della nascita andavano direttamente allo shopping, diventando facile preda per le convenzioni di marketing.

Hits: 25

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti