La morte di Glenn, interpretata da Steven Yeun, nell’episodio della prima stagione di The Walking Dead è stato sicuramente uno dei momenti salienti della serie.

Ma nonostante la brutalità degli ultimi momenti di vita del suo personaggio, l’attore ha rivelato in un’intervista a W Magazine che era ansioso di registrare la scena.
Avevo saputo di questa morte per qualche tempo e, ad essere onesto con i fan, non vedevo l’ora che arrivasse quel giorno. Ero entusiasta di avere il mio cranio schiacciato. Tutti fantasticano su come sarebbe una morte legale, no?
A differenza degli altri personaggi di The Walking Dead, le cui morti non erano uguali alla loro versione dei fumetti di Robert Kirkman, l’addio di Glenn è stato fedele alla storica centesima edizione del fumetto, in cui il marito di Maggie era stato picchiato a morte con una mazza da baseball avvolta dal filo spinato, affettuosamente soprannominato “Lucille”, dal cattivo arrivato di recente Negan.
Sebbene l’episodio sia stato accusato di raffigurare violenza eccessiva nella morte di Glenn e Abraham, Yeun ha difeso la serie durante una convention, sottolineando quanto fosse importante la scena per lo sviluppo dei personaggi in relazione all’oppressione dei Salvatori.
Da quando ha lasciato The Walking Dead, Yeun ha lavorato su diversi progetti. È stato candidato come miglior attore non protagonista alla Los Angeles Film Critics Association e alla Toronto Film Critics Association per il suo ruolo nel film sudcoreano Burning, oltre a continuare a dar voce a Keith nell’animazione Voltron ed è stato confermato nel cast del remake di Beyond di immaginazione.

Hits: 98