La morte di Carl Grimes, interpretata da Chandler Riggs, sorprese non solo gli spettatori di The Walking Dead, ma anche l’attore stesso.

Nel mese di dicembre 2017, William Riggs, padre di Chandler, ha fatto una sfuriata sostenendo che il ragazzo era stato ingannato con la promessa che avrebbe lavorato più a lungo e ha espresso il suo disappunto per l’atteggiamento di Scott Gimple , showrunner della serie della stagione.

Tuttavia, nonostante le affermazioni schiette e polemiche di William, molti hanno iniziato a ipotizzare che la morte di Carl fosse stata una richiesta di Chandler Riggs da quando era appena entrato all’università.

In un nuovo ed esteso post su Facebook, William Riggs ha ribadito con veemenza che suo figlio non aveva intenzione di lasciare il cast di The Walking Dead, nemmeno di acquistare una casa ai margini della serie per facilitare i suoi spostamenti.

Secondo lui, anche la decisione di iniziare il college è stata resa prioritaria per The Walking Dead: Chandler ha optato per un’università nello stesso stato in cui è stata prodotta la serie e che gli ha permesso di studiare a distanza durante le registrazioni.

Giusto per chiarire una volta per tutte: Chandler non voleva lasciare la serie. Aveva trascorso del tempo all’Università della Georgia e andava al college mentre lavorava (studiando online durante le registrazioni), proprio mentre completava i suoi studi negli ultimi otto anni.

Scott Gimple lo ha chiamato personalmente e ha dichiarato ad una conferenza telefonica di aprile [del 2017] di aver bisogno di Chandler per tre anni. Chandler ha accettato un contratto di due anni, che è consuetudine. Un anno garantito e un anno a scelta dei produttori, che è anche consueto.

Firmò il contratto, si laureò e tornò al lavoro. Comprò una casa vicino agli studi e si iscrisse all’Università della Georgia per poter essere vicino al lavoro, poiché doveva passare due ore a trasferirsi lì per tutti quegli anni.

A metà giugno avrebbe compiuto 18 anni e 5 episodi erano già stati registrati, hanno chiesto a mia moglie e a me di partecipare ad un incontro con Chandler, che abbiamo trovato un po ‘strano.

Ero nervoso, ma lui e il suo agente mi hanno assicurato che sarebbe stato qualcosa per il programma di riprese e così via. C’era solo Scott Gimple e ci disse che Carl sarebbe morto da lì a pochi episodi.

Chandler era completamente distrutto.

Ero deluso dal fatto che Scott fosse stato disonesto con un ragazzo di diciassette anni che stava prendendo decisioni importanti nella sua vita e aspettò a dircelo. Dopo che l’episodio è stato trasmesso, mi è stato chiesto come mi sentivo a riguardo. Mi sono sfogato sui social, ma forse non avrei dovuto farlo.

Tre ore dopo, l’AMC mi ha chiesto di cancellare il commento, e l’ho fatto. Sei ore dopo, TMZ [noto sito di notizie sulle celebrità] mi ha chiamato per chiedere un colloquio, ma ho rifiutato.

Non era collegato a me. Non so perché qualcuno direbbe qualcosa su di me, ma va bene. Insegnare a Chandler a non chiamare negatività era parte del processo, quindi posso farlo anche io.

Non ho mai reso le cose difficili per mio figlio, la nostra famiglia lavora insieme per fare le cose per lui. Siamo estremamente grati per l’opportunità e per otto incredibili anni; come genitore, ho sentito che Chandler meritava un trattamento migliore, ma quell’industria è la stessa. Mancanza di gentilezza

Dopo aver lasciato il cast della serie, Chandler Riggs ha dato un po ‘più di attenzione alla sua carriera musicale come DJ , pubblicando anche alcuni singoli.

Dopo più di un anno di distanza dagli schermi, farà una piccola comparsa nella commedia drammatica  A Million Little Things.

Pensi che l’indignazione del padre di Chandler sia giusta o pensi che The Walking Dead sia meglio senza Carl?

Hits: 49