Per promuovere la stagione finale di  Game of Thrones, HBO ha stretto una partnership con artisti di tutto il mondo per Create for the Throne, una serie in cui quegli artisti hanno messo il loro marchio su oggetti di scena iconici dello show. Proprio di recente, HBO ha debuttato con la collezione d’oro. Cosa hanno in serbo per noi questa volta?

Il primo è un rendering della mano d’oro di Jaime Lannister dell’artista Thomas Grabarczyk , realizzato in ottone. “Abbiamo deciso che la mano d’oro di Jaime avrebbe dovuto tenere in mano un paio di scale con due valori opposti – un simbolo del potere spietato di House Lannister da un lato, e qualcosa per mostrare come Jaime è cambiato nel corso delle stagioni nell’altro”, ha detto Grabarczyk, che è chiaramente un fan del simbolismo. “Il boccale dell’armatura di Jaime simboleggia il suo senso di responsabilità, fedeltà e obbedienza. L’altra contiene una replica solitaria e fedele di un cuore umano come simbolo dell’umanità di Jaime. “E sembra fantastico in un angolo per la colazione.

Nel frattempo,  Victo Ngai si è tuffato nel simbolismo dietro la spilla della Mano della Regina che Daenerys dà a Tyrion alla fine della stagione 6 . “Quando gestivo il sostegno, mi è venuto in mente che l’estremità appuntita della spilla assomiglia molto ad un’arma affilata”, ha detto Ngai. “Questo ha ispirato l’idea di mostrare il sostegno come il mezzo di Tyrion per tagliare i legami con la sua famiglia Lannister e unirsi a Daenerys”.

Le due famiglie sono rappresentate dai loro rispettivi sigilli: leone e draghi. Lo spillone nello stomaco del leone rappresenta il punto di svolta nel viaggio di Tyrion – quando consegnò la balestra mortale per uccidere Tywin; simboleggia anche il formidabile avversario che Tyrion è diventato per House Lannister. Il campo è disseminato di soldati in guerra che parlano dello stato violento dei Sette Regni, mentre le nuvole scure in alto parlano delle minacce incombenti nel Nord.

E sarebbe  anche questo  bello in un angolo per la colazione.

Infine, l’ artista Julie Bell dipinse un’immagine piuttosto terrificante di un uomo traumatizzato dalla guerra sulla corazza di un membro della Guardia Reale . “Volevo concentrarmi sull’esperienza emotiva della battaglia, ma, dal momento che non sono mai stato coinvolto in alcun tipo di combattimento militare, ho dovuto pensare a un modo per immaginarlo”, ha spiegato. “Ho pensato a un momento della mia vita che mi ha davvero scosso fino al midollo. Dopo aver “rivissuto” questo momento, ho cercato le opere d’arte create dai soldati durante la prima guerra mondiale. Era molto simile al modo in cui immagino che gli attori del metodo lavorino per interpretare al meglio i loro personaggi “.


Hits: 59