♥Aiutaci a condividerlo♥
  •  
  •  
  •  
  •   
  •  

La fine è vicina alla serie di prequel di Batman della Fox,  Gotham . Originariamente presentato come una procedura pseudo-poliziesca sui migliori blu di Gotham City contro la corruzione nei loro ranghi e il crimine sull’orlo di una resa super-potente, è diventata invece una soap opera criminale. La quinta e ultima stagione includeva anche la sua versione della saga di “No Man’s Land” (resa iconica di Il cavaliere oscuro – Il ritorno  di Christopher Nolan ), completa con Bane che era un back-breaker prima che ci fosse un Batman.

Nondimeno, il Batman è imminente quando la serie ritorna per un finale in due parti , la seconda delle quali include un salto temporale dalla trama più recente dello show. Lo spettacolo ritorna per il suo finale il 18 aprile e il 25 aprile, con l’episodio finale che colpisce il post sfuggente di tutti gli spettacoli della rete di 100 episodi. Durante l’ultima ora, ci accingiamo a vedere Bruce Wayne, il giovane e adolescente di David Mazouz, tornare alla sua città natale e indossare il mantello e il cappuccio che sono diventati un simbolo. Lo farà presumibilmente per offrire una mano a Jim Gordon, il personaggio principale della serie qui interpretata da Ben McKenzie.

Il nuovo poster finale di Fox rivela quanto stuzzica un certo cavaliere oscuro.

Il critico Marc Buxton ha detto questo su Gotham nella sua recensione più recente .

Quest’ultima stagione di Gotham è iniziata con un flash-forward dei nostri eroi e cattivi che hanno reso un Helm’s Deep simile a una forza d’invasione. Ora sappiamo chi e di cosa si trattava. Waid è un burattino di Nyssa e l’esercito americano sta per prendere Gotham City. Mentre i missili volano, rimangono molte domande. Cosa succederà ad Alfred? La piccola Barbara Gordon, e se è così, la madre si sacrifica? In che modo Gotham City sopravvive a No Man’s Land? Ed e Oswald finiranno mai i loro sub?

Lo scopriremo il prossimo mese allo stesso Bat-time e nello stesso Bat-place.


♥Aiutaci a condividerlo♥
  •  
  •  
  •  
  •   
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •