Solo il diavolo lo sa, la docuserie di Netflix ci lascia dei dubbi

♥ Tempo di lettura: 6 min. ♥

Solo il diavolo lo sa, conosciuto anche come “Ivan il Terribile” (ancora più agghiacciante), questa docuserie del “vero crimine” di Netflix ci lascia con molte domande, ma anche con una necessaria riflessione.

Il ” vero crimine ” ci lascia sempre desiderare di più e Netflix si assicura di darci una buona porzione ogni tanto. 

Solo il Diavolo lo sa, recensione docuserie Netflix

Il successo del formato, ricco di serie, è diventato una tendenza nei documentari sul crimine. 

Ma questo può essere considerato anche per ” Il nazista Ivan il Terribile “? 

La nuova e impressionante serie della piattaforma si adatta al profilo, ma il suo tema raggiunge molto più in profondità di quello a cui siamo abituati , trasformando una storia particolare in una questione di portata e pertinenza globale. 

I produttori Josh e Dan Braun (responsabile anche del fantastico documentario “Dimmi chi sono ‘di Netflix) conserva il gusto per la morbilità e quella narrativa avvincente che è tenuta più di un asso nella manica, ma alla fine la sua storia aspira a una conversazione molto più trasformativa .

Nei suoi cinque episodi, la serie racconta il caso di John Demjanjuk , un cittadino americano di origine ucraina che, all’improvviso, alcuni sopravvissuti all’Olocausto identificarono come il temibile Ivan il Terribile , che gestiva le camere a gas nei campi di sterminio durante la Seconda guerra mondiale.

Fu deportato, processato e condannato, ma l’ombra del dubbio incombe ancora sulla sua storia.

 Ha affermato che lo stavano confondendo con un altro uomo. 

I testimoni, d’altra parte, non hanno mostrato dubbi al riguardo. 

Qual è la verità in tutta questa faccenda?

Stava mentendo per sbarazzarsi dei crimini commessi in passato o era solo un uomo innocente che cercava di cancellare il suo nome? 

“Il nazista di Solo il diavolo lo sa ci immerge in uno dei casi più controversi del post-olocausto , uno che ha finito per creare un precedente molto importante e la cui memoria in forma seriéfila ci aiuta anche a speculare cosa è successo a tutti i soldati e scienziati nazisti che sono usciti dalla porta sul retro dopo la guerra.

E mentre trascini il governo polacco su Netflix per un pasticcio di mappe :

La Polonia reagisce con rabbia al documentario Solo il diavolo lo sa di Netflix

John Demjanjuk contro Ivan il Terribile

solo il diavolo lo sa-docuserie-netflix-ivan il terribile

John Demjanjuk, sopravvissuto ad alcuni degli episodi più duri in Ucraina degli anni ’30, riconobbe di trovarsi in diversi campi di concentramento polacchi del regime nazista, ma non come un sanguinario assetato di sangue ma, dice, come prigioniero e successivamente come guardia alla forza 

Almeno, questa è la versione che l’imputato , con alcune modifiche e versioni contraddittorie, ha offerto nel suo processo. 

Dopo la guerra, lui e sua moglie emigrarono negli Stati Uniti e formarono una famiglia. Ha ottenuto la cittadinanza nel 1958 e ha vissuto una vita tranquilla e silenziosa come operaio fino a quando il mondo non è gli è caduto addosso negli anni ’70.

Tutto è iniziato con un elenco di presunti nazisti che vivevano nel Nord America, facilitato dal governo russo che, dopo la liberazione di un gran numero di campi di concentramento alla fine della seconda guerra mondiale, conservò tutti i documenti che trovarono. 

Fu il giornalista Michael Hanusiak che portò quella lista al dipartimento immigrazione del paese e le indagini iniziarono a scoprire se quell’uomo fosse quello che sembrava essere. 

Avevano una fotografia del tempo e delle testimonianze dei sopravvissuti, e presto i capi si unirono perfettamente: diverse persone lo identificarono e lo stato di Israele chiese che la sua espulsione fosse processata nel suo territorio per crimini contro il popolo ebraico.

Coloro che lo hanno riconosciuto, lo hanno fatto sotto il nome di Ivan il Terribile .

Ma chi era questo personaggio che è stato visto nei campi di sterminio come Treblinka e Sobibor? 

Secondo i sopravvissuti, che vediamo nel documentario scoppiare in lacrime nelle loro testimonianze per ricordare gli orrori dell’Olocausto, quell’uomo era responsabile delle camere a gas in cui morirono milioni di ebrei.

Fu lui a guidare i gruppi, sì, ma in modo completamente violento, all’altezza del suo nome. I prigionieri ricordano che erano soliti camminare con una spada e smembravano quelli che erano destinati nelle camere a gas.

 Li ha torturati anche se sapeva che stavano per morire, strappando parti del loro corpo per puro divertimento. Quello era Iván, un nome che condivide con l’imputato (l’originale, Iván Mikoláiovich Demianiuk ), con il quale è affiancato da alcuni dati difficili da spiegare.

Dopo un lungo processo mediatico, un tribunale israeliano lo ha giudicato colpevole, in una sentenza che è stata appellata alla Corte suprema, che ha finito per dichiararlo innocente grazie ad alcuni nuovi documenti in cui è stato descritto in modo molto diverso da tale Ivan il Terribile, e che le somiglianze non erano più così chiare. 

Per “ragionevole dubbio” , Demjanjuk è stato rilasciato e la sua cittadinanza è stata ripristinata. 

Non sarebbe durato a lungo: se non fossero stati in grado di dimostrare di essere entrambi la stessa persona, avrebbero potuto almeno accusarlo delle azioni compiute nel suo passaggio attraverso i campi di sterminio in cui è documentato che lavorava.

 Pertanto, nel 2009 è stato espulso dagli Stati Uniti e un tribunale tedesco lo ha condannato per i suoi crimini. È morto nel 2012 in un manicomio di Rosenheim.

Perché è stato un caso importante “Solo il ddiavolo lo sa”

solo il diavolo lo sa-docuserie-netflix-ivan il terribile

processi a Norimberga videro come i grandi leader nazisti furono processati e condannati, alcuni addirittura fino alla morte.

 È stato un processo difficile, lungo e necessario per iniziare a guarire le ferite della guerra che ha completamente traumatizzato l’Europa, e soprattutto uno sterminio di massa per la comunità ebraica le cui immagini sarebbero rimaste indelebili nella memoria universale.

Tuttavia, il caso di John Demjanjuk era diverso . 

Ed estremamente importante. Durante il primo processo in Israele, in cui la serie Netflix si concentra principalmente, ascoltiamo le testimonianze di un gruppo di sopravvissuti all’Olocausto che giurano di riconoscere Ivan il Terribile nelle fazioni ucraine. 

Le immagini del processo, con i loro pianti e lacrime, non lasciano dubbi:c’era la necessità di ascoltare quelle storie terribili e rivivere l’orrore ancora una volta. 

Non per sadismo o indulgenza verso se stessi, ma per assicurarsi che nessuno dimenticasse che non sarebbe mai potuto accadere di nuovo.

In quel processo era anche chiaro che le vittime di quella persecuzione stavano invecchiando e perfino morendo . 

Il ricordo di coloro che erano riusciti a lasciare vivi Mauthausen, Auschwitz e altri campi nella Germania nazista era andato perduto e le ferite non erano ancora completamente chiuse. 

Né il loro né quelli di un’intera comunità segnata dalla xenofobia omicida. 

In quel momento si ebbe la sensazione che questa sarebbe stata l’ultima volta che avrebbero potuto esprimere in pubblico in un processo di giustizia per la loro memoria , l’ultima volta che avrebbero potuto mostrare al mondo gli orrori di quella guerra. 

Fu probabilmente l’ultimo grande processo sulla scia dell’Olocausto e l’ultima possibilità di chiedere una punizione per i responsabili.

Il caso Demjanjuk, nonostante i suoi numerosi alti e bassi, costituì un precedente nel 2009, quando fu definitivamente finalizzato ai suoi crimini durante la seconda guerra mondiale. 

Come si dice nel documentario “Solo il diavolo lo sa”, questa è stata la prima volta che un soldato nazista è stato condannato per le sue azioni , e non un leader.

Un uomo che ha preso la decisione di ottemperare agli ordini è stato punito, anche se provenivano da un’altra persona. Ci sono voluti 60 anni perché questa fosse una realtà e, sebbene sia troppo tardi per un’azione legale, il riconoscimento è sufficiente.

La sorprendente riflessione finale di Solo il Diavolo lo sa

solo il diavolo lo sa-docuserie-netflix-ivan il terribile

“Il nazista Ivan il Terribile” si concentra sull’esplorazione delle molte versioni e colpi di scena che la vera storia delle prove contro John Demjanjuk ha avuto, ma i suoi creatori non volevano rimanere lì. 

Nell’ultimo episodio di Solo il Diavolo lo sa esplorano un argomento che va oltre l’Ucraina e attacca il governo degli Stati Uniti per aver fatto entrare i nazisti alla fine della seconda guerra mondiale . 

Come si suol dire, è stato un “matrimonio” di convenienza: il paese non solo aveva bisogno di lavoratori impegnati dopo una fase di guerra, ma erano anche felici di avere persone profondamente anticomuniste nei loro ranghi durante l’era della Guerra Fredda .

“L’industria americana e la legge sull’immigrazione degli Stati Uniti, persino le banche, hanno svolto un ruolo fondamentale per ospitare e nascondere i collaboratori nazisti”, si sente nella serie, che pone il caso di Wernher come esempio più notevole. 

Von Braun , fondatore della NASA e criminale di guerra nazista. I suoi missili V-2 caddero sull’Inghilterra durante la guerra, ma portò gli Stati Uniti sulla Luna nel 1969. “Un buon nazista”, dice. 

Pertanto, mentre i capi venivano processati a Norimberga, molti membri del Terzo Reich furono legittimati sul suolo americano. L’ultimo episodio termina con le immagini dei neonazisti di oggi, l’ultra-diritto” al quale permettiamo di invadere le nostre istituzioni democratiche con i loro discorsi d’odio e che piantano un seme che minaccia di distruggere tutto ciò che è stato costruito.

 O peggio: dimenticando tutto ciò che è stato costruito.

Trailer Solo il Diavolo lo sa

♥ Ti è piaciuto l'articolo? ♥
error0

Leave a Reply

Un principe per Natale 4 ci sarà?

♥ Tempo di lettura: 2 min. ♥ Due anni fa, Netflix...

Aldovia: il vero paese e il castello dove è stato girato "Un principe per Natale"

♥ Tempo di lettura: 3 min. ♥ Il mondo fiabesco della...

Un principe per Natale: Royal Baby, recensione film Netflix: due regni, una maledizione

♥ Tempo di lettura: 3 min. ♥ Un principe per Natale:...

Aladdin ottiene uno spin-off inaspettato

♥ Tempo di lettura: < 1 min. ♥ Whole New World...

The Conjuring 3 ha una data di uscita e un titolo ufficiale

♥ Tempo di lettura: 2 min. ♥ The Conjuring 3 ha...

L'immortale, Ciro condannato a rimanere vivo inutilmente recensione

♥ Tempo di lettura: 3 min. ♥ L’immortale, Ciro condannato a...

Storia di un matrimonio , ora su Netflix, recensione

♥ Tempo di lettura: 4 min. ♥ “Storia di un matrimonio”...

La passione di Cristo : La resurrezione sequenza che debutterà nel 2020

♥ Tempo di lettura: 2 min. ♥ La passione di Cristo...

The Walking Dead , Carl dice la verità

♥ Tempo di lettura: 2 min. ♥ The Walking Dead ,...

The Walking Dead: quanti Salvatori sono diventati Sussurri?

♥ Tempo di lettura: 3 min. ♥ The Walking Dead: quanti...

Twd mostra la scena dello zombie

♥ Tempo di lettura: < 1 min. ♥ Twd mostra la...

Twd finirà davvero dopo la stagione 12?

♥ Tempo di lettura: 3 min. ♥ Twd finirà davvero dopo...

Underwater ritarda la sua prima, trailer e prime immagini

♥ Tempo di lettura: 2 min. ♥ Underwater trailer e prime...

No Time To Die ecco il trailer

♥ Tempo di lettura: 2 min. ♥ No Time To Die...

"Crisi sulle Terre infinite": Batwoman si unisce al team nel nuovo trailer; Guardalo!

♥ Tempo di lettura: < 1 min. ♥ Il crossover ” Crisi...

" 007 – No Time to Die" ha il suo primo teaser

♥ Tempo di lettura: < 1 min. ♥ ” 007 – No Time...

V Wars: recensione della serie con Ian Somerhalder

♥ Tempo di lettura: 3 min. ♥ La mitologia dei vampiri...

Tre giorni di Natale: Recensione della miniserie drammatica Netflix

♥ Tempo di lettura: 2 min. ♥ L’ultimo dramma internazionale di...

Un principe per Natale: Royal Baby, recensione film Netflix: due regni, una maledizione

♥ Tempo di lettura: 3 min. ♥ Un principe per Natale:...

L'immortale, Ciro condannato a rimanere vivo inutilmente recensione

♥ Tempo di lettura: 3 min. ♥ L’immortale, Ciro condannato a...

Caterina la Grande: recensione dell’ultimo episodio
Caterina la Grande: recensione episodio 1×03
Caterina la Grande: Recensione dell’episodio 2
Helen Mirren: “Caterina mi ha sempre affascinato”
Batwoman recensione 1×08
Batwoman 1×07 recensione
Batwoman stagione 1 episodio 6 Recensione
Batwoman recensione 1×05
Watchmen rivela perché Angela è diventata Sister Night
The Watchmen 1×07 recensione, un altro grande episodio
Watchmen 1×06 “Questo essere straordinario” è un episodio straordinario
‘Watchmen’ Recensione 1×05
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial