Browsing Category : Miti e leggende

Aquila di sangue


La famosa Aquila di sangue era una tortura nordica caratterizzata dalla sua brutalità. Possiamo chiederci che cosa fosse esattamente o a chi fosse applicata questa punizione. Ma, soprattutto, il Bloody Eagle era reale o solo una parte della leggenda? Cos’è l’aquila di sangue? Inizierò spiegando che cos’è l’aquila di sangue, bloðorn  in Old Norse. È stata una tortura cruenta che ha funzionato come metodo di…

Contiua a leggere »

Il fiordaliso e la leggenda della regina Luisa di Prussia


La regina Luisa di Prussia era una bella donna, di grande valore: l’imperatore Napoleone, invase il suo paese e lo prese, opprimendo il popolo, ma la regina combatté coraggiosamente contro l’invasore. Tuttavia, alla fine, il nemico prese la capitale (Berlino), e la regina, dopo molte difficoltà, riuscì a fuggire con i suoi figli, andò a nascondersi in un campo coperto…

Contiua a leggere »

Il crisantemo e la sua leggenda


Nella Foresta Nera (Germania) visse un contadino di nome Hermann. La vigilia di Natale, quando tornò a casa, trovò un bambino sdraiato sulla neve. Lo prese tra le braccia e lo condusse nella modesta casa dove la moglie e i figli lo aspettavano, il quale, condivideva felicemente con lui l’umile cena che avevano preparato per quella festa. Il piccolo straniero rimase tutta…

Contiua a leggere »

La rosa di Gerico e la sacra famiglia


La Rosa di Gerico, noto anche come il “fiore della Risurrezione”, è accreditato come la proprietà di morire e poi tornare alla vita. La sua origine ha una bella leggenda. Si dice che i giorni in cui Maria,Giuseppe e Gesù bambino,fuggirono per salvarlo dalla strage degli innocenti ordinata dal re Erode, la Sacra Famiglia attraversò le pianure di Gerico.Quando la Vergine…

Contiua a leggere »

La leggenda della Sallana


Il  mito della Sallana è nata nell’era coloniale. Si dice che fosse una donna aristocratica della città di Villavicencio. La donna ha sempre prestato attenzione a ciò che le persone dicevano, perché basava la sua vita su ciò che dicevano gli altri.Un giorno le arrivò all’orecchio una terribile notizia, che suo marito la stava tradendo con sua madre. La donna fu trascinata dalla gelosia…

Contiua a leggere »

Shichinin misaki


Il misaki di Shichinin (七 人 ミ サ キ o 七 人 み さ き), che significa ” misaki di 7 persone “, è un gruppo di fantasmi prima conosciuti nella prefettura di Kōchi , raccontati nelle regioni di Shikoku e Chūgoku. Sono fantasmi di umani che sono morti per calamità e incidenti, soprattutto morti affogati.Come in base al suo nome, normalmente, insieme come un gruppo di sette, appaiono principalmente vicino all’acqua, come…

Contiua a leggere »

Futakuchi-onna


La futakuchi-onna è uno yōkai, una creatura soprannaturale della mitologia giapponese.  Come suggerisce il nome ( futa), bocca (kuchi) donna (onna) donna dalle due bocche, è caratterizzata dalla presenza, oltre a quella “normale”, di una seconda bocca nascosta tra i capelli della nuca, dove il cranio della donna si apre, presentando labbra, denti e una lingua. Come se questo non bastasse, la bocca posteriore borbotta e sputacchia, continuando a chiedere cibo e,…

Contiua a leggere »

Cait Sith


Il Cait Sith era un gatto delle dimensioni di un vitello caratterizzato dall’essere totalmente nero, tranne che per una macchia bianca sul petto. Nel folclore scozzese e irlandese, da cui è sorto, il suo nome significa “gatto fatato”, ma in realtà non ha nulla in comune con le fate. Nella mitologia scozzese si credeva che il Cait Sith fosse una strega con la…

Contiua a leggere »

Bakeneko


Nella mitologia giapponese, il Bakeneko nasce come un gatto normale. Tuttavia, quando sta per compiere 12 o 13 anni l’animale sviluppa poteri soprannaturali e inizia a camminare sulle zampe posteriori . Inoltre, è in grado di comunicare con lui. Tuttavia, c’è un lato oscuro di questa leggenda. La maggior parte dei Bakenekos sono esseri malvagi. Raggiungono il punto di divorare i loro proprietari e sostituirli nella vita di…

Contiua a leggere »

Ubume 産女 spirito del folclore giapponese


Ci possono essere innumerevoli ragioni della scomparsa di un bambino, ma come un vecchia superstizione giapponese, la maggior parte dei bambini scomparsi sono stati catturati da un yokai chiamato Ubume.  Si crede che gli Ubume sono spiriti di donne morte durante il parto , o durante la gravidanza. In ogni caso, l’attaccamento per il figlio perduto rimane dopo la morte, da qui l’implacabile…

Contiua a leggere »
Vai alla barra degli strumenti